solovela.net
domenica , 15 dicembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » Tecnica di costruzione: Dove nascono le inaffondabili
ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.



Il cantiere Etap: Dove nascono le inaffondabili
Tutti gli scafi sono costruiti su struttura rotante Tutti gli scafi sono costruiti su struttura rotante

Un operaio spruzza le fibre di vetro per il rowing Un operaio spruzza le fibre di vetro per il rowing

Il cantiere Etap
Dove nascono le inaffondabili

Quando si dice che le Etap sono a prova di falla è vero: le barche sono costruite con un sistema di scafo e controscafo e possono navigare anche semisommerse. Un esperimento lo conferma

Malle, Belgio, circa 60 chilometri a nord-est di Bruxelles, la regione che fu un tempo Fiandre e che illuminò il mondo con opere di ingegno e arte di grande bellezza. In questa zona immersa in boschi e grandi prati si trova Etap, acronimo che sta per Electro Technische Apparaten. Etap Yachting è in realtà un ramo d’azienda di un grande gruppo industriale, la Parfibel, impegnata nel campo dell’illuminazione industriale e nella componentistica elettrica. La costruzione delle imbarcazioni da diporto cominciò nel 1970. Avendo l’esigenza di distinguere le barche per qualche loro caratteristica peculiare, si decise di dar vita a barche inaffondabili. E così fu: le Etap sono innafondabili e il termine va preso alla lettera.

di Maurizio Anzillotti


01/07/08
  pdf scarica l'articolo
in formato pdf


700 Kb
 

RICERCA
L'ARTICOLO
La ricerca vi permette di ritrovare gli articoli di vostro interesse.
Potete selezionare la categoria e associare una parola chiave, oppure digitare direttamente la parola e fare partire la ricerca.

Categoria Parole chiave massimo 3 parole

Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti