solovela.net
domenica , 15 dicembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » Vela e dintorni: Affondamenti volontari
ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.



Effetto crisi: Affondamenti volontari
Sono cresciute le barche in ottimo stato andate a fondo Sono cresciute le barche in ottimo stato andate a fondo

Il fenomeno è preoccupante, anche per il danno causato alla collettività Il fenomeno è preoccupante, anche per il danno causato alla collettività

Effetto crisi
Affondamenti volontari

Negli Stati Uniti numerosi armatori stanno abbandonando la propria barca sul fondo del mare. Non hanno perso la ragione, ma i soldi per mantenerla

C’erano state diverse segnalazioni, nello Stato americano del South Carolina, da parte di gente che intravedeva le sagome di vascelli fantasma sotto il pelo dell’acqua di vari fiumi; in certi casi, chi transitava con la sua barca su questo o quel corso d’acqua aveva anche lamentato urti contro grossi oggetti sul fondale, oggetti che non avrebbero dovuto essere lì.
Smaltimento non autorizzato di rifiuti ingombranti? In un certo senso sì, ma rifiuti di tipo molto particolare: le autorità hanno delegato a 4 agenti il compito di verificare, e in tre mesi di ricerca sistematica (fra gennaio e marzo) i funzionari pubblici hanno trovato più di 150 grandi barche o motoscafi affondati (con dolo) di recente. Senza contare i numerosi casi sulla costa atlantica.

di Lugi Grassia


01/06/11
  pdf scarica l'articolo
in formato pdf


180 Kb
 

RICERCA
L'ARTICOLO
La ricerca vi permette di ritrovare gli articoli di vostro interesse.
Potete selezionare la categoria e associare una parola chiave, oppure digitare direttamente la parola e fare partire la ricerca.

Categoria Parole chiave massimo 3 parole

Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti