solovela.net
giovedì , 19 luglio 2018

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Skipper francese arrestato dalle forze ribelli dello Yemen
Skipper francese arrestato dalle forze ribelli dello Yemen
News/07/Alain-Goma.jpg Alain Goma
Alain Goma
Skipper francese arrestato dalle forze ribelli dello Yemen

Alain Goma, un solitario francese entrato nel porto di Hodeida nello Yemen un mese fa, è scomparso

Hoedida (Yemen) – Alain Goma non aveva nessuna intenzione di entrare nel porto di Hodeida, nello Yemen, il 54 enne, skipper solitario francese, sapeva bene che in quell’area si stava svolgendo una guerra particolarmente violenta definita dall’ONU come la più grave crisi umanitaria del mondo, ma sembra non abbia avuto scelta.

Con danni alle vele e con la pompa dell’acqua dolce in avaria, alla fine ha dovuto cedere e entrare in porto.

Ora il francese si trova in una situazione critica, arrestato dalle forze ribelli dello Yemen poco dopo il suo arrivo in porto, si trova nelle carceri yemeniti da oltre un mese.

La Francia è uno dei maggiori fornitori di armi delle forze che combattono i ribelli e questo pone l’uomo in una posizione particolarmente delicata. Nello Yemen non c’è più neanche l’ambasciata francese che si è ritirata a Riad in Arabia Saudita.

L’uomo, che era partito con il suo 10 metri dal sud della Francia, in Mediterraneo, nell’agosto del 2017, aveva passato lo stretto di Suez e stava finendo la discesa del Mar Rosso per entrare nell’Oceano Indiano e da qui raggiungere il sub continente indiano per risalire, poi, sul versante orientale di questo per raggiungere Calcutta.

Le speranze della famiglia sono che Alain possa essere coinvolto in uno scambio di prigionieri.


09/lug/2018
VDV

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti