solovela.net
mercoledì , 21 novembre 2018

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Un First alle olimpiadi?
Un First alle olimpiadi?
News/11/Un-First-alle-Olimpiadi.jpg
Beneteau
Un First alle olimpiadi?

Un intervento del direttore Generale della Beneteau apre nuovi scenari

Roma – Quando ieri il direttore di Solovelanet, Maurizio Anzillotti, ha scirtto a Gianguido Girotti Direttore Generale della Beneteau per chiedergli se secondo lui fosse plausibile pensare al Figaro 3 come barca di classe olimpica per le regate offshore, regate che la World Sailing (Federazione internazionale della vela) ha promosso al posto delle regate dei Finn, si è sentito rispondere che il Figaro3 , probabilmente, è una barca troppo costosa per fare classe olimpica, ma che invece un progetto realizzato con i due fondatori del cantiere Sloveno Seascape potrebbe avere una chance.

Girotti non è uomo da dire cose che non hanno fondamento e la sua idea, spiegata nella nota inviata al nostro Direttore, che la nuova classe offshore debba essere una classe di barche dal prezzo contenuto per allargare al massimo la platea degli atleti interessati, ha un fondamento e lascia intravedere un piano preciso del cantiere francese, piano che il Direttore Generale non spiega, ma che può essere intuito mettendo insieme alcune informazioni.

Qualche mese fa la Beneteau, sorprendendo molti, aveva acquistato il cantiere sloveno Seascape produttore di barche veloci di piccole dimensioni (14, 18, 24 e 27 piedi). La cosa aveva sollevato diversi interrogativi. Si sapeva che il cantiere francese voleva rilanciare la gamma First, ma partire dal 14 piedi era una cosa che non era nelle corde del cantiere che non si era mai impegnato in barche di quelle dimensioni.

Oggi, alla luce delle dichiarazioni di Girotti, si potrebbe ipotizzare che il progetto iniziale fosse proprio quello di creare una gamma partendo dal basso per avere un modello tra i 24 e i 28 piedi da proporre alla World Sailing come classe olimpica.

Le barche Seascape sono molto veloci e esteticamente interessanti, il prodotto ideale da dove ripartire con una gamma First rinnovata che miri ad avere una modello olimpico.

C’è da scommettere che la barca da sottoporre alla World Sailing sia stata già disegnata e, forse, già costruita. Il gruppo Beneteau, proprio con l’arrivo di Girotti nel Cantiere Beneteau, ha aperto un centro studi, un capannone dove un team di ingegneri fa sperimentazione e ricerca, il luogo ideale per creare una barca destinata ad essere classe olimpica.

Alla luce di questi sviluppi, vedere a breve, una barca Beneteau nominata quale nuova classe olimpica, forse, non è solo un sogno.


07/nov/2018
NSS

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti