solovela.net
domenica , 16 giugno 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Barca a vela provoca blackout in Florida, 28.000 abitazioni senza luce
Barca a vela provoca blackout in Florida, 28.000 abitazioni senza luce
News/04/Barca-a-vela-provoca-black-out--in-Florida.jpg
Blackout in Florida
Barca a vela provoca blackout in Florida, 28.000 abitazioni senza luce

Una barca a vela con il suo albero ha abbattuto una linea elettrica facendo rimanere al buio un’intera città

Key West (Florida) – Chi non ha frequentato gli Stati Uniti si immagina che lì le infrastrutture siano molto moderne e efficienti senza sapere quanto a volte questo possa essere lontano dalla realtà. In molti posti degli States ci sono infrastrutture che da noi sono semplicemente impensabili per la loro precarietà e inefficienza.

A conferma di ciò quanto accaduto la settimana scorsa vicino a Key West nell’estrema punta della Florida. Una barca a vela che invece di seguire la rotta corretta navigando parallela a una lunga fila di piloni dell’alta tensione a un certo punto decide di passare tra due piloni senza considerare che i questi portano dei cavi e si trovano più bassi dell’albero della barca. Risultato, l’equipaggio della vela rischia di rimanere fulminato e la linea viene abbattuta: 28.000 famiglie rimangono senza corrente elettrica.

La barca rimane prigioniera dei cavi ed è costretta a dare il mayday.

Negli Stati Uniti, al contrario di quanto accade in Europa e, in particolare, in Italia, i quattro quinti delle linee di alta tensione sono fuori terra e passano nei posti più strani, come appunto un bacino acqueo dove navigano delle barche a vela con alberi più alti dei pali della corrente.

12/apr/2019


RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti