solovela.net
giovedì , 18 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Tre morti e duemila tonnellate di greggio in mare
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Tre morti e duemila tonnellate di greggio in mare

Affondate cinque navi

Tre morti e duemila tonnellate di greggio in mare

Gli incidenti sono stati causati da una tempesta con venti superiori ai cinquanta nodi e onde alte fino a cinque metri che ha colpito il Mar Nero

Mosca - Tragedia nel Mar Nero, colpito ieri da una tempesta con venti superiori ai cento chilometri orari e onde alte fino a cinque metri. Cinque navi sono affondate, tre marinai sono stati recuperati privi di vita, quindici risultano ancora dispersi, mentre trentaquattro sono stati tratti in salvo.
L'episodio più grave si è verificato al largo del porto di Kavkaz, dove la petroliera “Volganeft 139” si è spezzata in due, provocando il versamento in mare di oltre duemila tonnellate di greggio. Danni ambientali sono stati causati anche dalla nave cargo “Hadj Ismail”, affondata a largo di Sebastiopoli, per la perdita di 5.600 tonnellate di materiali ferrosi.
Le tre vittime recuperate in mattinata sembrano invece appartenere all'equipaggio della “Nakhitchevan”, una nave carica di zolfo colata a picco nei pressi della penisola di Crimea, così come il cargo russo “Volnogorsk”, anch'esso trasportante materiale sulfureo.
La catastrofe non ha infine risparmiato la portacontainer “Kovel” e ha messo in difficoltà molte altre unità, tra cui la petroliera “Volganeft 123”, che ha subito uno squarcio sulla chiglia non perdendo tuttavia combustibile.
“Il vento adesso sta soffiando verso la costa ucraina - ha detto Oleg Mitvol, vice capo della Rosprirodnadzo, l'agenzia russa per l'Ambiente - e lo stato di emergenza si è ridotto. La soluzione del problema potrebbe richiedere anni. Il petrolio è una sostanza pesante e si sta depositando sul fondale. Ci troviamo di fronte a un disastro ambientale”.
Un dramma ecologico ha colpito anche l'altra parte del mondo, la baia di San Francisco, dove una nave portacontainer ha urtato un ponte, versando nelle acque californiane 220.000 litri di greggio. Il governo californiano ha vietato l'accesso al mare ai bagnanti, mentre i mezzi di soccorso dello stato americano si stanno già impegnando per asportare il combustibile disperso.
12/nov/2007

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti