solovela.net
venerdì , 18 ottobre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Testa a testa finale
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Testa a testa finale

Transat Jacques Vabre

Testa a testa finale

Quando mancano mille miglia al termine della competizione, Telecom Italia è ancora al comando con circa venticinque miglia di vantaggio sul suo principale inseguitore, Atao Audio System

Bahia - Mille miglia al traguardo della Transat Jacques Vabre, la regata transoceanica da Le Havre a Bahia. La flotta dei Class 40, unica ancora in gara, ha superato ieri lo scoglio del “Pot au noir”, la zona equatoriale caratterizzata da brezze instabili e leggere, e ora naviga velocemente verso l'approdo brasiliano.
“Telecom Italia”, di Giovanni Soldini e Pietro d'Alì, è ancora al comando della competizione con circa venticinque miglia di vantaggio sul suo principale inseguitore, “Atao Audio System” di Dominique Vittet e Thierry Chabagny.
Entrambe le barche viaggiano con una rotta di 210 gradi, spinte da un vento stabile da Sud-Est di circa quindici nodi. Ormai non c'è più tempo per tattiche e strategie, i fattori che decreteranno la vittoria finale saranno la velocità della barca e la tenuta fisica dei navigatori.
Nel frattempo, con l'arrivo di “Chemines Poujoulat”, lo scafo di Bernard Stamm e Tanguy Cariou recente vincitore della Velux5Oceans, è stato completato il podio in classe Imoca (Open 60). La regata tra i performanti monoscafi è stata vinta martedì da “Foncia”, di Michel Desjoyeaux e Emmanuel Le Borgne.
22/nov/2007

43 Parallelo

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti