solovela.net
martedì , 12 novembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: D'Alì cerca una nuova impresa
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

D'Alì cerca una nuova impresa

Solitaire du Figaro

D'Alì cerca una nuova impresa

Il velista lombardo, fresco vincitore della Jacques Vabre con Giovanni Soldini, si presenterà, il prossimo 25 luglio, per il terzo anno consecutivo ai nastri di partenza della competizione riservata a navigatori solitari su Beneteau Figaro

Roma - Sarà ancora Pietro d'Alì il portabandiera azzurro nella prossima “Solitaire du Figaro”. Il velista lombardo, fresco vincitore della Jacques Vabre con Giovanni Soldini, si presenterà, il prossimo 25 luglio, per il terzo anno consecutivo ai nastri di partenza della competizione riservata a navigatori solitari su Beneteau Figaro II (lft 10,15 mt.). Regata che quest'anno prevede un nuovo percorso, con una tappa in meno (tre invece di quattro) e un trasferimento record (825 miglia), dal Nord al Sud della Francia circumnavigando l'isola di Man, situata nella parte più settentrionale dell'area di mare tra Gran Bretagna e Irlanda.
In un'intervista esclusiva a SoloVela.net, Pietro ha raccontato come procede la preparazione alla trentanovesima edizione della “Solitaire”.

Pietro, sono già cominciati i preparativi?
Si, anche se siamo ancora nella fase iniziale. L'obiettivo adesso è raccogliere più fondi possibili dagli sponsor, così da organizzare al meglio la mia partecipazione.

Quanto ti può essere d'aiuto l'ultimo successo alla “Jacques Vabre” ?
Spero di avere il mio tornaconto, anche se questo è un periodo difficile in Italia per investire. Soprattutto sulla “Solitaire”, una regata disputata su barche piccole e ancora non molto conosciuta nel nostro Paese.

Parlando della competizione, come ti sembra il nuovo calendario?
Si è tornati al passato, con un percorso molto interessante. L'organizzazione ha voluto metterci a dura prova anche questa volta, soprattutto con un'ultima tappa molto tecnica, che ci vedrà circumnavigare l'Isola di Man.

Attraversando appunto il Mar d'Irlanda, quali possono essere le principali insidie?
E' una zona battuta da correnti insidiose, dove c'è anche molto traffico marittimo. Occorre stare sempre attenti, anche agli scogli, molto frequenti quando la costa è vicina. Ultima difficoltà, da non sottovalutare, è quella delle alghe che spesso rimangono impigliate sul timone. Doverle togliere in continuazione è un problema in più.

In conclusione, quali sono le tue aspettative per la prossima “Solitaire”?
E' una regata a cui tengo particolarmente, perchè è molto impegnativa. Si naviga a bordo di una barca piccola, dove bisogna spingere sempre. Spesso ci troviamo tutti appaiati, e può risultare decisivo trovarsi appena duecento metri avanti per prendere al meglio una raffica favorevole. Sicuramente sarà dura, anche perchè molti skipper si preparano tutto l'anno a questa competizione e per questo non sarà facile competere con loro.
11/gen/2008

43 Parallelo

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti