solovela.net
giovedì , 27 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Sigilli per Marinagri
Sigilli per Marinagri

Inchiesta Toghe Lucane

Sigilli per Marinagri

I sigilli al villaggio turistico sono arrivati nell'ambito dell'inchiesta che vede indagate quattordici persone tra cui Vito De Filippo, presidente della Regione Basilicata

Catanzaro - Marinagri, il villaggio turistico costruito recentemente in Basilicata, è stato posto sotto sequestro dalla procura della Repubblica di Catanzaro, nell'ambito dell'inchiesta “Toghe Lucane”.
Si arricchisce così di un nuovo capitolo la vicenda che vede coinvolto l'eco-resort e quattordici indagati, tra cui Vincenzo Vitale, legale rappresentante della società Marinagri, e Vito De Filippo, presidente della Regione Basilicata, accusati di “atti amministrativi illegittimi, comportanti gravi rischi anche sotto il profilo idrogeologico e per la salute e sicurezza pubblica”. L'accusa imputa, infatti, alla società edile di aver ottenuto il permesso a costruire la struttura dal Comune di Policoro, ancor prima di averne acquisito la proprietà. Sigilli anche su un finanziamento di venticinque milioni di euro da parte del Cipe (Comitato interministeriale programmazione economica), la cui regolarità della concessione è ancora sotto indagine.
L'inchiesta coinvolge inoltre alcuni esponenti della magistratura come Giuseppe Chieco, procuratore della Repubblica di Matera, e Pietro Gentili, ex responsabile della sezione di polizia giudiziaria della procura di Potenza.
Marinagri era già stata posta sotto sequestro il 3 marzo del 2007, per poi essere rilasciata dopo due settimane in seguito al ricorso presentato dagli avvocati difensori della società.
21/apr/2008

GC42LC

ARTICOLI CORRELATI


RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti