solovela.net
giovedì , 27 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Vittorio è arrivato a Guadalupe
Vittorio è arrivato a Guadalupe

Malingri in Atlantico

Vittorio è arrivato a Guadalupe

Il velista italiano è approdato nell'isola caraibica alle 7,24 Utc, con quasi due giorni di ritardo rispetto al primato del percorso, stabilito in inverno dalla coppia francese Moreau-Lequin

Guadalupe - Dopo 13 giorni, 17 ore e 53 minuti di navigazione, Vittorio Malingri ha completato la traversata in solitario sulla rotta Dakar - Guadalupe (2500 miglia). Il velista italiano è approdato nell'isola caraibica alle 7,24 Utc, con quasi due giorni di ritardo rispetto al primato del percorso, stabilito in inverno dalla coppia francese Moreau-Lequin (11 giorni, 11 ore e 25 minuti).
Compagno di viaggio dello skipper è stato “Royal Oak”, un catamarano non abitabile di sei metri. Lungo la navigazione non sono state poche le difficoltà incontrate da Vittorio. Prima tra queste, il problema ai pannelli solari, che non ha permesso al velista di ricaricare i telefoni satellitari e comunicare con il proprio staff a terra (poteva utilizzare soltanto la strumentazione Gps e Argos). Negli ultimi giorni, inoltre, qualche buco di vento ha rallentato la marcia del solitario lombardo, il cui risultato è da ritenersi comunque molto positivo. Con queste premesse, Malingri potrebbe tentare l'assalto al record in doppio l'anno prossimo, così come dichiarato prima di levare gli ormeggi.
"E' stata un’esperienza meravigliosa - ha detto Vittorio - nonostante le difficoltà e i problemi che ho incontrato. La barca ha funzionato a meraviglia, a parte i problemi ai pannelli solari che hanno condizionato le mie riserve di energia e quindi il funzionamento del pilota automatico e dei telefoni. Il problema più grande è stato quello di dover fare sempre qualsiasi cosa con una mano sola, perché senza poter disporre del pilota automatico, l’altra mi serviva per il timone. La notte per brevi tratti legavo il timone per riposare. Non ho sofferto la fame né la sete. Dal punto di vista fisico, è stato molto meno faticoso di una tappa del giro del mondo su di una barca grande. Ora però vado a dormire in un letto".
29/apr/2008

GC42LC

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti