solovela.net
martedì , 16 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Emozioni del giorno dopo
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Emozioni del giorno dopo

Giovanni Soldini

Emozioni del giorno dopo

Lo skipper azzurro, appena approdato a Marblehead ed aver conquistato l'Artemis Transat, racconta i suoi giorni difficili ma intensi in oceano

“Il momento migliore della regata? L'arrivo, soprattutto se tagli per primo il traguardo”. E' stanco, ma raggiante di felicità, Giovanni Soldini appena approdato a Marblehead. E non poteva essere altrimenti. Conquistando l'Artemis Transat, il velista lombardo si è confermato come il più grande protagonista della vela oceanica italiana e, ancora una volta, l'uomo da battere tra i neonati Class 40, avendo aggiunto questo trionfo al precedente nella Transat Jacques Vabre in equipaggio con Pietro d'Alì.
In quest'occasione, però, Soldini si è trovato solo contro l'oceano, così come i suoi avversari, e lo straordinario rapporto che lega l'Atlantico allo skipper azzurro ha fatto la differenza nel centrare questo obiettivo. “Il segreto per vincere una regata è di non commettere troppi errori - ha raccontato Giovanni - solo così si può essere competitivi. Telecom Italia, poi, è una barca nata bene, molto affidabile e veloce in ogni condizione”.
Sì, perchè anche lo scafo, con cui Giovanni si è sempre sentito un'unica entità, ha avuto un ruolo fondamentale, soprattutto nei momenti più difficili. “E' stata dura subito dopo la partenza - ha continuato - quando non era semplice capire dove andare. All'inizio ho scelto una rotta molto a nord, poi ho avuto paura a lasciare la flotta da sola, preferendo coprirla. Negli ultimi giorni mi sono impantanato nelle bolle senza vento, ma non è vero che temo più le calme delle tempeste a quaranta nodi”.
Se l'Artemis Transat sia degna di essere considerata erede della vecchia Ostar a Giovanni non interessa; a lui questa regata è piaciuta, e anche tanto. “Mi sono divertito molto - ha concluso Soldini - perchè questa è una competizione basata su scelte tattiche e meteo, la mia passione”. Ne servirà ancora tanta per continuare a cogliere imprese simili; già dal prossimo 20 luglio, quando “Telecom Italia” sarà ai nastri di partenza della Quebec-Saint Malo.
29/mag/2008

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti