solovela.net
venerdì , 15 novembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Scoperto il corallo bianco
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Scoperto il corallo bianco

Mar Adriatico

Scoperto il corallo bianco

Questa specie marina è stata rinvenuta vicino Pescara, a duecento metri di profondità. Un evento unico, perchè l'abitat naturale di questi sedimenti è molto più profondo

Pescara - Sono salpati per cercare il corallo giallo (dendrophyllia cornigera) e invece hanno trovato quello bianco (lophelia prolifera). L’ultima campagna oceanografica dell’Arco (Adriatic Corals) ha dato esiti sorprendenti anche per la troupe di venti scienziati e ricercatori che hanno rinvenuto questa specie marina al largo di Pescara, a circa duecento metri di profondità; un evento unico, in quanto l’habitat naturale di questi sedimenti solitamente non è inferiore ai quattrocento metri.
“I coralli bianchi rappresentano uno dei più importanti ecosistemi delle profondità marine – ha spiegato Marco Taviani, responsabile della missione – e generalmente in Adriatico e Mediterraneo vivono a 350-400 metri di profondità. La comunità scientifica rivolge grande attenzione a questi ecosistemi così peculiari, punti focali di biodiversità degli abissi che, secondo alcuni, potrebbero essere minacciati dalla progressiva acidificazione degli oceani. Importanti scogliere sono state rintracciate anche nello Ionio e nel Canale di Sicilia, ma sempre a profondità ragguardevoli”.
Le scogliere di corallo bianco, tuttavia, sono state trovate senza vita; secondo i ricercatori, la loro morte potrebbe risalire addirittura all’era glaciale. “Il corallo bianco rinvenuto – continua Taviani – è rappresentato da esemplari di notevoli dimensioni e spessore, perfettamente conservati ma non viventi e coperti da un sottilissimo velo di fango. E’ probabile che questo tipo di scogliere prosperassero nel medio Adriatico alla fine dell’ultima era glaciale, circa undicimila anni fa quando il livello marino era più basso, e che un repentino infangamento li abbia soffocati. A tutt’oggi, solo nei fiordi della Norvegia si rilevano scogliere di Lophelia a modesta profondità”.
13/gen/2009

43 Parallelo

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti