solovela.net
domenica , 17 novembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: I pirati liberano la petroliera, ma poi annegano in mare
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

I pirati liberano la petroliera, ma poi annegano in mare

Somalia

I pirati liberano la petroliera, ma poi annegano in mare

Mentre trasportavano il bottino a terra, uno dei due gommoni dei pirati si è capovolto a causa dell’eccessiva velocità e delle condizioni di mare formato

Mogadiscio - Giorni concitati nel Puntland, la regione della Somalia roccaforte della pirateria locale. Venerdì scorso, infatti, dopo quasi due mesi di trattative è stata rilasciata la Sirius Star e il suo equipaggio, composto da venticinque membri. La cattura della petroliera, lunga circa trecentotrenta metri e carica di petrolio per un valore intorno ai cento milioni di euro, aveva destato scalpore in quanto mai nelle mani dei predoni era finita una nave tanto grande.
Secondo le prime indiscrezioni, la cifra pagata per ottenere il riscatto della Sirius Star è di circa tre milioni di euro; una cifra nettamente inferiore a quella di trenta milioni di euro, inizialmente richiesta dai pirati. Fatto curioso, che ha anche avuto un risvolto tragico, è quanto accaduto dopo la consegna del denaro, calato da un aereo turistico con un paracadute sulla petroliera. Mentre trasportavano il bottino a terra, infatti, uno dei due gommoni dei pirati si è capovolto a causa dell’eccessiva velocità e delle condizioni di mare formato. Solo cinque delle nove persone a bordo sono riuscite a salvarsi; le altre quattro sono annegate lasciando in mare anche parte del bottino. Ieri, su una spiaggia della costa somala è stato trovato il cadavere di una vittima con circa 153.000 dollari in tasca. Secondo alcune fonti, numerose banconote sono state trasportate dalla marea su un altro punto del litorale. Negli attimi successivi all’incidente, molte imbarcazioni si sono dirette sul luogo, alcune per prestare soccorso, altre per cercare il denaro, ma sono state allontanate dai bucanieri con atti intimidatori.
Le acque della Somalia, nel frattempo, continuano a essere sempre molto pericolose. Nelle mani dei pirati ci sono ancora sedici navi, tra cui l’ucraina Faina che contiene a bordo trentatre carri armati.
13/gen/2009

43 Parallelo

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti