solovela.net
domenica , 21 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Spunta l’isola spazzatura
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Spunta l’isola spazzatura

Maldive

Spunta l’isola spazzatura

Sul piccolo atollo diThilafushi, lungo sette chilometri e largo duecento metri, è presente un impianto i cui metodi e carichi di lavoro sembrano essere lontani dagli standard di sicurezza

Malè – Anche uno dei paradisi terrestri del nostro pianeta, l’arcipelago delle Maldive, è afflitto dal problema dello smaltimento dei rifiuti. Un articolo pubblicato sul quotidiano inglese The Guardian e la campagna di sensibilizzazione promossa dall’associazione ambientalista Blue Peace ha posto l’attenzione sull’atollo di Thilafushi.
Nella piccola isola, lunga sette chilometri e larga duecento metri, è presente un impianto i cui metodi e carichi di lavoro sembrano essere lontani dagli standard di sicurezza. La struttura, infatti, inizialmente progettata per raccogliere i rifiuti della sola capitale Malè, è sottoposta a un lavoro straordinario in quanto vi arriva anche la spazzatura prodotta dagli altri atolli, quelli maggiormente frequentati dai turisti.
Le circa trecento tonnellate d’immondizia provenienti quotidianamente via mare non riescono a essere completamente smaltite e incenerite ma vengono depositate in una discarica che attualmente è già di cinquanta ettari e cresce di un metro quadro al giorno. Ad aggravare la situazione è anche la tipologia dei materiali scaricati come batterie usate, amianto, piombo e rifiuti elettronici che, qualora finissero in acqua, intaccherebbero la catena alimentare e recherebbero seri danni alla barriera corallina.
14/gen/2009

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti