solovela.net
martedì , 23 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Coville a Brest, impresa senza record
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Coville a Brest, impresa senza record
NewsRegate/01/CovilleArrivo_nd.jpg Coville vede terra dopo 59 giorni di navigazione
Giro del mondo
Coville a Brest, impresa senza record

Con un tempo di 59 giorni e 20 ore, il velista francese non è riuscito per oltre due giorni a migliorare l'impresa stabilita l'anno scorso da Francis Joyon

Brest - Approdando a Brest sabato scorso alle 10,41 GMT, Thomas Coville ha completato il giro del mondo in solitario senza scalo dopo 59 giorni, 20 ore e 47 minuti di navigazione. Non è riuscito, quindi, a battere il record stabilito l’anno scorso da Francis Joyon (57 giorni, 13 ore, 34 minuti), ma la sua impresa è comunque destinata a rimanere negli annali. Coville è, infatti, il terzo navigatore nella storia ad aver circumnavigato il globo in solitario su un trimarano e soltanto quattro barche sono state più veloci della sua Sodeb’o: Idec di Joyon, appunto, più Orange II di Bruno Peyron e Cheyenne di Steve Fossett (queste ultime due avevano a bordo un equipaggio multiplo).
L’avventura di Coville è partita subito male. Condizioni meteo sfavorevoli lo hanno portato ad avere uno svantaggio di oltre mille miglia già al passaggio del capo di Buona Speranza. In Indiano, Sodeb’o ha confermato di trovarsi a proprio agio con i forti venti portanti (sia l’anno scorso che quest’inverno ha stabilito il record delle ventiquattro ore), ma è dopo Capo Horn, durante la risalita dell’Atlantico, che lo skipper francese ha toccato il distacco minimo nei confronti di Joyon: trecentotrenta miglia. Una bolla di alta pressione nei pressi dell’equatore ha però infranto i sogni di rimonta del navigatore transalpino, applaudito al traguardo anche dai suoi principali avversari.
“Bravo Thomas – gli ha scritto in una lettera Francis Joyon – anche se non sei riuscito a migliorare il record, è già stato un successo avere provato a farlo, combattendo contro tutti i rischi e le difficoltà che una navigazione del genere comporta. Ho pensato che avresti potuto recuperare lo svantaggio. Le tue difficoltà iniziali sono state compensate dal vento contrario che io ho trovato risalendo l’Atlantico. E’ bellissimo notare come in un viaggio del genere, le condizioni sono state simili per entrambi”.
Sugli stessi toni si è espressa anche Ellen Mac Arthur, che stabilì il record nel 2005 su B&Q Castorama: “Solo tre persone nel mondo – ha detto – conoscono lo stress e la brutalità di una navigazione in solitario su un multiscafo. Un’impresa del genere merita ammirazione e rispetto. Thomas ha fatto meglio di me, su una barca che chiedeva di più. E, inoltre, aveva un difficilissimo tempo da battere come riferimento. E’ stato un eroe”.
19/gen/2009

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti