solovela.net
lunedì , 17 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: In attesa dei soccorsi, il racconto di Piero e Vittorio
In attesa dei soccorsi, il racconto di Piero e Vittorio
News/04/Fresi3_nhp.jpg Piero e Vittorio a dicembre, in rotta verso Capo di Buona Speranza
Il naufragio dei Fresi
In attesa dei soccorsi, il racconto di Piero e Vittorio

I due navigatori hanno descritto il momento dell'incidente occorso in Pacifico. Intanto l'arrivo della petroliera che dovrebbe salvarli è atteso per il primo pomeriggio

Oceano Pacifico - Continua la disavventura in Pacifico di Vittorio e Piero Fresi, i due navigatori sardi che, impegnati nel giro del mondo a vela, stanno andando alla deriva in Pacifico dopo aver scuffiato e peso l’albero (la barca si è raddrizzata) e sono ancora in attesa dei soccorsi. L’arrivo della petroliera Hellespont è atteso per il primo pomeriggio (ora italiana) di oggi; la nave è attrezzata con un braccio meccanico che permetterà di recuperare i due navigatori e molti degli oggetti di bordo. Le condizioni meteo sono ancora dure, con mare forza 7 e vento da sud-ovest di circa trenta nodi.
La pericolosità del momento non sembra però trasparire dalle parole dei navigatori, che hanno raccontato telefonicamente quanto accaduto, in un’intervista pubblicata anche sul loro blog. “Navigavamo con la tormentina da circa due giorni – ha detto Vittorio, 33 anni – e prima dell’incidente seguivamo una rotta est, con venti di circa cinquanta nodi da sud-ovest. Tenevamo l’onda al giardinetto. Ma a un certo punto ce ne è venuta addosso una enorme, già frangente, di lato. Ho detto a mio padre che la barca non ce l’avrebbe fatta e così è stato. Ma per fortuna lo scafo si è raddrizzato in un secondo e quindi non è entrata neanche tanta acqua”. Onitron I, l’imbarcazione in acciaio di undici metri protagonista della sventura, è in buone condizioni. “E’ saltata qualche vite – continua Vittorio – in alcuni punti della coperta, ma la barca è stagna. Non abbiamo pensato a continuare con un armo di fortuna, perchè dell’albero è rimasto molto poco. Inoltre i viveri sono scarsi e il timone è molto duro, come se fosse bloccato. Per questi e altri motivi abbiamo deciso di chiedere soccorso”.
Anche il racconto di Piero, 63 anni e padre di Vittorio, lascia capire la difficoltà di quei momenti. “Qualsiasi barca si sarebbe rovesciata con un’onda del genere – ha detto – è stata una cosa allucinante”. I soccorsi sono in arrivo, e ciò tranquillizza, e molto, l’ex-istruttore di vela. “Non abbiamo neanche acceso il motore – ha raccontato – perchè le batterie sono ancora cariche. Se ci sarà necessità di farlo lo faremo. Qui siamo in una specie di grotta, infatti stiamo cercando di mettere a posto gli oggetti più importanti per prepararci allo sbarco”.

Clicca qui per ascoltare il racconto di Piero e Vittorio
08/apr/2009

GC42LC
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti