solovela.net
lunedì , 17 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Groupama 3: è record
Groupama 3: è record
NewsRegate/05/Groupama3Mediterraneo_nhp.jpg Nuovo record per Groupama 3: da Marsiglia a Hammamet in 17 ore e 48 minuti
Traversata del Mediterraneo
Groupama 3: è record

Tagliando il traguardo antistante il porto tunisino alle 7,19 di sabato, la barca transalpina ha completato la propria fatica in 17 ore, 8 minuti e 10 secondi

Hammamet - Missione compiuta. Groupama 3, il velocissimo trimarano di Frack Cammas, ha stabilito il nuovo record di traversata del Mediterraneo, una navigazione lunga 458 miglia da Marsiglia a Hammamet. Tagliando il traguardo antistante il porto tunisino alle 7,19 di sabato, la barca transalpina ha completato la propria fatica in 17 ore, 8 minuti e 10 secondi (26,72 nodi di velocità media), migliorando di appena 48 minuti e 10 secondi il precedente primato che apparteneva dal 2004 a Orange II di Bruno Peyron.
“Anche se è un record veloce – ha raccontato Cammas – siamo stanchi per lo sforzo fisico e psicologico richiesto dall’impresa. In una situazione del genere, difatti, ogni errore può essere fatale. Devo ringraziare l’equipaggio, che ha lavorato alla perfezione in condizioni difficili, perchè il mare era formato e l’onda molto corta”. A bordo di Groupama 3 hanno navigato velisti di fama internazionale. Tra questi, Thomas Coville, il detentore del record delle 24 ore in solitario, e Lionel Lemonchois, vincitore dell’ultima Route du Rhum, che era a bordo di Orange II quando nel 2004 stabilì il precedente primato sulla stessa rotta. “Migliorare il record stabilito cinque anni fa – ha detto – mi stimolava molto. Evidentemente porto fortuna a chi mi invita a bordo. Groupama 3 è più corto e leggero di Orange 2. E’ una barca che va veloce anche con poca tela, ricorda più i trimarani da sessanta piedi che il maxi-multiscafo di Bruno Peyron”.
Per Cammas, tuttavia, si poteva fare anche meglio. “La previsione meteo – ha dichiarato lo skipper – soprattutto sull’ultima parte di gara non è stata così indovinata. Pensavamo di incontrare delle arie più intense e meno instabili. La barca si è comunque dimostrata molto veloce alle portanti, e questo potrà tornarci molto utile per le prossime imprese, come il record della traversata del nord Atlantico (in programma a luglio, ndr)”.
18/mag/2009

GC42LC
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti