solovela.net
venerdì , 28 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Alinghi nell'Emirato, Oracle dai giudici
Alinghi nell'Emirato, Oracle dai giudici
NewsRegate/10/Alinghi5Trasporto_nhp.jpg Alinghi 5 è sbarcato a Ras Al Khaimah
33ma America’s Cup
Alinghi nell'Emirato, Oracle dai giudici

Mentre il defender ha sbarcato il proprio catamarano in terra araba, gli avvocati di Larry Ellison sono tornati davanti ai giudici chiedendo di disputare la Coppa a Valencia

Ras Al Khaimah – Non c’è pace per la Coppa America. Proprio nel giorno in cui Alinghi 5, il catamarano che difenderà la storica brocca è sbarcato a Ras Al Khaimah, l’emirato che dovrebbe ospitare la prossima edizione dell’evento, Bmw Oracle è tornato a chiamare in causa il tribunale dello Stato di New York, mettendo in discussione proprio la sede della competizione.
Gli avvocati statunitensi hanno infatti presentato l’ennesimo ricorso legale, auspicando che la Coppa venga disputata in una località che vada bene a entrambi i team o, in alternativa, a Valencia. “Il Golden Gate Yacht Club – si legge in una nota pubblicata dal sindacato di Larry Ellison – ha ricordato spesso alla Societè Nautique de Geneve che scegliere una sede senza il mutuo consenso si scontra con le regole imposte dal Deed of Gift. In buona fede abbiamo spedito ad Alinghi una lista con alcune possibili località dove disputare la sfida perchè, nonostante la nostra delegazione sia stata accolta nel miglior modo possibile, Ras Al Khaimah non è dotata di strutture, condizioni di sicurezza e meteorologiche per ospitare la Coppa”.
Appare chiaro, quindi, che le “paure” di Bmw Oracle riguardano i venti leggeri presenti nell’emirato che potrebbero favorire il più leggero Alinghi 5. Tuttavia, gli americani hanno anche voluto porre l’accento sul fatto che Ras Al Khaimah si trova a diciassette miglia da alcune isole appartenenti all’Iran, sottolineando il fatto che tra i due paesi non corra affatto buon sangue.
Ad ogni modo, dopo dodici giorni di navigazione su una nave lunga quasi duecento metri, il multiscafo di Alinghi, salpato da Genova, è approdato in terra araba. Soddisfazione per il trasferimento che non ha presentato alcun tipo di problema, e una dichiarazione, ovviamente rilasciata prima di conoscere la mossa legale di Bmw Oracle. “Ora che siamo arrivati a Ras Al Khaimah lavoreremo sodo per preparare nel migliore dei modi la barca alle sfide di febbraio”.
02/ott/2009

GC42LC

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti