solovela.net
sabato , 29 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Si torna davanti ai giudici
Si torna davanti ai giudici
News/10/Erika2_nhp.jpg Nel 1999, la petroliera Erika ha versato in mare 30.000 tonnellate di greggio
Processo “Erika”
Si torna davanti ai giudici

Riapre il processo sul naufragio della petroliera che vede coinvolti Total, Rina e l'armatore e il gestore, entrambi italiani, dell'unità

Parigi – Si è aperto oggi a Parigi il processo d’appello per il naufragio della petroliera Erika, la nave che nel dicembre del 1999 devastò gran parte del litorale francese con la dispersione in mare di oltre trentamila tonnellate di carburante.
Davanti ai giudici transalpini sono tornati tutti i principali imputati, puniti nel gennaio del 2008 dalla sentenza di primo grado. La Total, società affittuaria della petroliera, il Rina, il registro navale italiano che aveva certificato all’unità la possibilità di navigare in sicurezza, l’armatore Antonio Savarese e il gestore Antonio Pollare, erano stati infatti condannati al pagamento di una cifra intorno ai 192 milioni di euro, di cui 154 da versare allo Stato francese e la restante quota agli oltre cento enti pubblici e privati impegnati nel processo.
Nella nuova discussione in aula, che dovrebbe chiudersi il prossimo 18 novembre, si rimetteranno in discussione le responsabilità e le conseguenti pene per gli imputati. La questione centrale del dibattimento riguarda la posizione della Total, che intende scagionarsi dalle accuse sostenendo di essere stata ingannata dai certificati di navigabilità emessi dal Rina.

06/ott/2009

GC42LC

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti