solovela.net
sabato , 19 ottobre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Ellison: "Ecco la Coppa che ho in mente"
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Ellison: "Ecco la Coppa che ho in mente"
NewsRegate/03/EllisonCoppa2010_1nhp.jpg Larry Ellison e la Coppa America
34ma America's Cup
Ellison: "Ecco la Coppa che ho in mente"

In un'intervista a CnnMoney.com, il nuovo custode della storica brocca torna sul successo di Valencia e indica la via per un evento ancor più di successo

San Francisco – Larry Ellison a trecentosessanta gradi. Il patron di Bmw Oracle, nuovo custode della storica brocca, ha parlato al portale americano CnnMoney.com della prossima Coppa America, quella che ha in mente e vuole realizzare. Partendo dal recente successo nelle acque di Valencia contro Alinghi. “Il merito – ha detto – va tutto a Russell Coutts. E' stato uno straordinario direttore del reparto tecnico, coordinando più di centocinquanta persone. Ha messo insieme un team di qualità, con cinquanta progettisti. Ed ha convinto James Spithill a venire con noi. Lui, uno skipper che sarebbe potuto essere il numero uno ovunque, ha deciso di fare il numero due per Bmw Oracle, dietro a Russell”. A proposito, la coppia che ha riportato la storica brocca negli Stati Uniti, non dovrebbe lasciare il consorzio a stelle e strisce. “Non abbiamo ancora raggiunto nessun accordo – ha continuato Ellison – ma condividiamo le stesse prospettive per l'evento. Ci saranno anche loro con Bmw Oracle nella prossima edizione e costruiremo un team ancora più forte”.
Prossima edizione, appunto, ma che filosofia avrà la nuova Coppa America di Larry Ellison? “Vogliamo che ogni team – ha detto – riesca a ottenere profitti dall'evento. Non soltanto il defender e il challenger of record. Vogliamo rendere questo sport più televisivo, e quindi vendere migliori contratti alle emittenti. E poi ridurre i costi. Dovrebbero bastare cinque milioni di euro per rendere possibile una campagna. Così tornerebbero i sudafricani, gli svedesi e tanti altri nuovi team”.
Una dichiarazione che, detta dal quarto uomo più ricco al mondo, suona molto strana. “E' vero – continua – noi di Bmw Oracle avremmo meno possibilità di vincere. Ma il vero dispiacere sarebbe non partecipare a una futura edizione con le stesse regole equilibrate e sportive”. Minori differenze prestazionali, quindi, tra le barche. Che non è detto siano monoscafi. “Ho regatato per tutto l'anno – ha detto – nel circuito di classe RC44, dove le barche sono simili e vince chi naviga meglio. Noi vogliamo trasformare la Coppa America in una competizione del genere. Gli aspetti progettuali devono essere importanti, ma non decisivi. Dobbiamo abbandonare l'assioma che vince chi ha la barca più veloce. Per quanto riguarda il tipo di imbarcazione, invece, dobbiamo anche chiederci cosa vuole il pubblico. Durante le olimpiadi invernali io ho guardato la discesa libera, i miei figli le gare di snowboard. Io sono un grande appassionato di monoscafi, ma se i multiscafi avessero più appeal soprattutto tra i giovani? E' un interrogativo da porsi”.
Infine, il patron di Oracle indica le ultime linee guida dal punto di vista del marketing. “Uno sport non può avere successo – conclude – se non assistito da una buona copertura televisiva. Dobbiamo rendere la Coppa America più appetibile da questo punto di vista, con l'aiuto della tecnologia e con molta attenzione. Per quanto riguarda i partner, abbiamo già allacciato rapporti con Louis Vuitton. Loro stanno organizzando un circuito internazionale bellissimo, che potrebbe essere propedeutico per la Coppa America. Si potrebbe fare come nel calcio, dove il Louis Vuitton Trophy rappresenta il campionato e l'America's Cup diventerebbe la Coppa del Mondo, da disputarsi ogni quattro anni”.
24/mar/2010

43 Parallelo
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti