solovela.net
sabato , 19 ottobre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Ordigni bellici usati per la pesca di frodo
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Ordigni bellici usati per la pesca di frodo
News/11/mina.jpg Mina di profondità
Bombe in mare
Ordigni bellici usati per la pesca di frodo

Pescherecci recuperano bombe della seconda guerra mondiale e le utilizzano per la pesca di frodo

Firenze - Il mare tra Palermo e Trapani è pieno di ordigni della seconda guerra mondiale, bombe di profondità, bombe di aerei, siluri, mine antinave, tutti ordigni inesplosi che di tanto in tanto vengono riportati in superficie dalle reti dei pescatori.


Spesso questi li consegnano alle autorità che provvedono a farle brillare, ma a molte volte, i pescatori, a rischio della vita, portano a bordo gli ordigni, li disinnescano, estraggono il tritolo e lo utilizzano per la pesca di frodo o lo vendono alla mafia.


Questo è quanto ricorda il gip di Firenze Anna Favi nell’ordinanza d’arresto di Cosimo d’Amato, che il gip ipotizza essere stato il collettore del tritolo che veniva usato sia per la pesca, che per atti mafiosi. Ordinanza che fa riferimento a una sentenza della corte d’assise di Firenze del 1998 sulle stragi di mafia.


Durante quel processo un consulente della procura, il Capitano di vascello Roberto Vassale, spiegò che “Molto spesso i pescherecci incocciano con le reti di questi ordigni che possono essere mine da fondo, siluri, a volte anche bombe di aereo, mine di profondità. E non sempre queste bombe vengono consegnate alle autorità competenti per il brillamento.”

14/nov/2012

43 Parallelo

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti