solovela.net
giovedì , 27 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Sea Shepherd, i pirati vincono ancora
Sea Shepherd, i pirati vincono ancora
News/02/SeaSheperd_SVN.jpg Sea Shepherd, i pirati vincono ancora
Sea Shepherd
Sea Shepherd, i pirati vincono ancora

Il Giappone alza bandiera bianca e richiama le sue baleniere, Sea Shepherd ha vinto ancora

Sydney – Dopo che nei giorni scorso, la baleniera giapponese Nisshin Maru che cacciava nelle acque territoriali Australiane, aveva attaccato e speronato due navi degli Sea Shepherd e, la nave della Guardia Costiera Giapponese che la scortava, ha bombardato queste con granate a concussione, sollevando proteste da tutto il mondo, l'agenzia giapponese della pesca ha dichiarato di sospendere temporaneamente la “caccia a scopi scientifici perché le navi dei dimostranti non lasciano spazio di manovra”.

“Quel temporaneamente è solo un modo di salvarsi la faccia, – dice Bob Brown direttore degli Sea Shepherd – visto che alla chiusura della stagione di caccia mancano appena 18 giorni”.

Deludente il comportamento delle autorità australiane alle quali i pirati verdi avevano chiesto di inviare una nave della marina a ristabilire la sovranità delle acque d’interesse economico dell’Australia, palesemente violate dalla flotta giapponese. Il ministro della Difesa Stephen Smith ha dichiarato che l’Australia, già intervenuta presso la Corte Internazionale di giustizia, prima di agire aspetterà il pronunciamento di questa.

Questa è la seconda stagione consecutiva in cui gli Shepherd riescono a bloccare le baleniere giapponesi, provocando al commercio illegale di balene decine di milioni di euro di danni.
25/feb/2013

GC42LC
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti