solovela.net
mercoledì , 18 settembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Skorpios venduta: i soldi andranno alla famiglia o allo Stato?
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Skorpios venduta: i soldi andranno alla famiglia o allo Stato?
News/03/Skorpios.jpg Isola di Skorpios
Grecia
Skorpios venduta: i soldi andranno alla famiglia o allo Stato?

Il Governo greco blocca la vendita dell’isola di Onassis

Atene – E quando Athina Onassis, nipote e erede dell’armatore Aristotele Onassis, pensava finalmente di essere riuscita a vendere per circa 150 milioni di euro l’isola di Skorpios al magnate russo Dmitri Rybolovlev, ecco che il Ministro delle finanze della repubblica greca Yannis Stournaras chiede l’intervento dell’avvocatura dello Stato per bloccare la vendita.

Il Governo greco si appella a una clausola presente nel contratto di vendita, siglato circa 50 anni fa da Aristotele Onassis, in cui viene specificato che la famiglia Onassis si sarebbe impegnata a restituire allo Stato l’isola nel caso in cui la famiglia non fosse stata più in grado di mantenerla.

Il Ministro Stournaras quindi, sulla base di quanto stabilito nell’accordo di vendita, ha chiesto la sospensione della vendita per determinare se i 150 milioni di euro dovranno essere incassati dallo Stato invece che dalla famiglia Onassis.

Il Governo greco per porre rimedio agli enormi buchi neri del bilancio, nell’ultimo anno ha continuato a inasprire le tasse su tutto, isole comprese. Tante di queste sono proprietà privata e molte non danno alcun reddito, richiedendo comunque il pagamento di tasse elevate, da qui la corsa dei proprietari a disfarsene.


28/mag/2013

Sailitalia

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti