solovela.net
martedì , 19 novembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Annegamenti in netto calo negli ultimi anni
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Annegamenti in netto calo negli ultimi anni
News/02/annegare.jpg Bagnini e paramedici assistono un annegato
Annegamento
Annegamenti in netto calo negli ultimi anni

In Italia i casi di annegamento, al netto dei naufragi dei barconi dei migranti, negli ultimi anni sono in netto calo

Roma – Nel 1969 in Italia morivano 1.200 persone per annegamento, nel 2008 si era scesi a 426. Negli ultimi cinque anni la media è ferma a 400 decessi l’anno. Le cause del netto miglioramento della situazione sono diverse, si va dai maggiori controlli e leggi più severe sui sistemi di sicurezza per le piscine e le acque, a una maggiore cultura della sicurezza da parte della popolazione.

Una buona parte delle vittime sono stranieri extracomunitari che cadono in mare o nelle acque interne dopo aver bevuto o, una volta ubriachi, si gettano in mare (20%).

Nel mondo muoiono ogni anno 380.000 persone per annegamento e questa è al terzo posto come causa di morte per incidente.

Tra i diversi paesi europei, l’Italia, in proporzione al numero di abitanti, alla lunghezza delle coste e all’estensione delle acque interne, è una di quelle con il minor numero di vittime. Ciò è dato dalle leggi sulla sicurezza che nel tempo hanno dato i loro effetti, (piscine recintate, bagnini sempre presenti, zone costiere pericolose interdette al pubblico).

In altri paesi, come la Germania, nonostante ci sia un’estensione di coste che è circa un terzo delle nostre, si ha lo stesso numero di decessi con una percentuale maggiore di vittime sotto i 12 anni (50%) e una percentuale molto minore di extracomunitari di prima generazione (ovvero ancora non del tutto integrati nella cultura locale).

L’azione di prevenzione continua si basa – ci spiegano al Ministero della salute – soprattutto sull’aspetto culturale. Si può evitare il pericolo sensibilizzando la popolazione. Purtroppo, ci fanno notare al Ministero, esiste una cultura molto dannosa che fuorvia le persone dalla realtà del fenomeno, come alcuni serial americani che trattano l’argomento, dove, l’annegato, chiede aiuto e il bagnino-eroe corre e lo salva.

Questo tipo di messaggio fa si che la popolazione si convinca che chi affoga ha la possibilità di chiedere aiuto, ma questo accade solo in una piccola percentuale di casi. Nella maggior parte delle volte, la persona che annega lo fa in silenzio senza avere la possibilità di lanciare l’allarme.

Decine di persone muoiono per annegamento quando sono nella portata di altre persone che se fossero coscienti del pericolo le potrebbero salvare, ma non lo fanno, solo perché non sono i grado di leggere i segnali che la persona in pericolo lancia.

09/feb/2014

Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti