solovela.net
domenica , 21 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Polemiche per il Salone di Genova dall’ex presidente dell’UCINA Paolo Vitelli
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Polemiche per il Salone di Genova dall’ex presidente dell’UCINA Paolo Vitelli
News/06/Salone_p.jpg Il Salone di Genova negli anni precrisi
Salone Nautico di Genova
Polemiche per il Salone di Genova dall’ex presidente dell’UCINA Paolo Vitelli

Inizia in salita la presidenza di Massimo Perotti all’UCINA. Polemiche e ultimatum mettono a rischio il salone

Genova – Se la presidenze di Anton Francesco Albertoni, il Presidente uscente di UCINA (confindustria nautica) è stata la più difficile da quando l’UCINA esiste, quella di Massimo Perotti, Presidente eletto il mese scorso e patron dei Cantieri Sanlorenzo, non sembra iniziare in discesa.

Dopo le polemiche e le prese di posizione da parte di alcuni importanti rappresentanti del comparto barche a motore dell’associazione che hanno preceduto la sua elezione, Perotti se la deve vedere con una presa di posizione molto dura da parte di uno dei più importanti gruppi nautici del mondo, la Azimut Benetti di Paolo e Giovanna Vitelli che gli hanno indirizzato una lettera dove esprimono un forte dissenso con le ultime scelte dell’associazione.

I due firmatari della lettera esprimono concetti semplici e sottolineano alcune problematiche che potrebbero rappresentare un problema per l’intero settore nautico.

Tra i diversi punti elencati nella lettere, ce ne è uno, il numero 3, dove si esprime un forte dissenso anche nei confronti della nuova società che dovrà gestire il Salone di Genova creata quest’anno e che ha per soci l’Ente fiera di Genova e l’UCINA. Un dissenso che per alcuni aspetti dovrebbe interessare anche il comparto della vela, specialmente perché la creazione della nuova società lega definitivamente il salone nautico alla città di Genova precludendo così la possibilità di scelte diverse.

La presa di posizione del Gruppo Azimut Benetti, non potrà essere ignorata dal nuovo Presidente che dovrà affrontarla in via prioritaria.

Nel leggere la lettera dei Vitelli si ha ancora una volta la conferma che l’UCINA è l’associazione della grande nautica a motore e che la vela, nel suo eterno ruolo di Cenerentola stia pagando un prezzo molto alto per l’assenza di un'associazione capce di rappresentare le sue esigenze.


Lettera inviata all’UCINA dal Paolo e Giovanna Vitelli
proprietari del Gruppo Azimut


Gentili Consiglieri, gentile Presidente,
nonostante le posizioni del Gruppo Azimut Benetti siano state manifestate più volte nei dibattiti in Consiglio e in altre sedi da mesi, vorremmo riassumerle per massima chiarezza per interrompere, se possibile, le polemiche di questi giorni:

1. data l’estrema difficoltà del mercato italiano, riteniamo che oggi, così come doveva fare negli ultimi anni, Ucina debba dedicare il massimo dei suoi sforzi ad esercitare attività di lobbying politica per difendere gli interessi della nautica, non relegandola ad attività da delegare a terzi consulenti, ma svolgendola in via diretta e prioritaria per ricercare il massimo peso politico,

2. proprio per la crisi in cui versa la nautica italiana, riteniamo imprescindibile difenderne l’orgoglio, il know how, il Made in Italy. Riteniamo quindi che Ucina debba farsi difensore e sostenitrice di chi mantiene la progettazione e fa seriamente industria in Italia, per difenderci sia dai maggiori concorrenti d’Oltralpe, sia da futuri casi di produzione in paesi low cost di brand italiani che vadano a fare concorrenza, impossibile da sopportare, nei segmenti nei quali la nautica italiana vive e prospera. Auspichiamo quindi che gli organi direttivi vedano come protagonisti coloro che perseguono questo interesse,

3. riteniamo che l’associazione di categoria si debba occupare di rapporti istituzionali. Vediamo alcuni limiti al progetto della società I Saloni Nautici:

(i) perdurante legame con Fiera di Genova, socia al 50%, col dubbio sulla tenuta del piano di governance e sul business plan di una società con due soci a scarso di fondi,

(ii) possibile concorrenza ai porti turistici privati, non accettabile se esercitata da parte dell’associazione di categoria,

(iii) vincolo a tenere il Salone Nautico a Genova,

(iv) l’esercizio in via indiretta dell’attività di impresa da parte di Ucina, col dubbio sull’adeguatezza del know how necessario a svolgere su base annuale attività di promozione fieristica.

Viste le mutate condizioni di mercato, riteniamo che il format e il luogo del Salone Nautico debba essere messo in discussione. La nostra esperienza di operatori ci dice che l’affluenza di clienti internazionali è ridotta a pochi punti percentuali, che i giornalisti stranieri hanno disatteso la passata edizione, che i nostri concessionari stranieri non vogliono più venire (nè contribuire ai costi) e, ciò che è più importante, il risultato commerciale rispetto all’investimento è modestissimo.

Vorremmo quindi prendere in considerazione, perlomeno fino a quando il mercato italiano non si riprenderà, soluzioni più leggere come costi, con esposizioni solo a mare in luoghi attrattivi per il cliente, magari con il supporto di uno specialista capace di promuovere l’iniziativa su scala internazionale, quali la fiera di Milano, la Messe di Düsseldorf o la Reed Expo, società abituate a garantire professionalità e imparzialità e sopratutto investimenti e promozione. O valutare soluzioni innovative, concentrando per un anno i nostri sforzi non sul tradizionale Salone di Genova ma per esempio sull’Expo, magari esibendo i nostri prodotti all’idroscalo di Milano collegato con l’Expo e vicino all’aeroporto,

4. Abbiamo dichiarato che avremmo sostenuto il nuovo Presidente nella misura in cui ne avessimo condivisi i programmi. Appreso il programma all’Assemblea di nomina, e rilevato che su alcuni punti non abbiamo comunanza di vedute, riteniamo di non poter dare un supporto incondizionato e intendiamo manifestare in modo trasparente una voce diversa, dando il nostro contributo in modo costruttivo se ci sarà l’apertura e il dialogo ad ascoltarla. Ribadiamo la nostra volontà di dare un contributo concreto al lavoro dell’Associazione, pur non avendo mai fatto segreto di queste nostre posizioni, che per evidenti interessi mediatici sono state riportate da alcuni giornali con i toni accesi della polemica, anziché con la determinatezza di un confronto costruttivo, com’è nella nostra volontà.

Siamo desiderosi di continuare a sostenere Ucina, consapevoli però che la nautica italiana ha patito di più che negli altri paesi Europei per ragioni che riteniamo utile approfondire. Siamo fiduciosi che vi sarà un miglioramento dei rapporti con le istituzioni per promuovere una rinascita del settore e che vi sarà un confronto scevro da polemiche sui temi sopra evidenziati, per permettere a noi e a ciascuno di sentirsi adeguatamente rappresentato dalla nostra associazione.

Cordiali saluti
Paolo e Giovanna Vitelli
 

04/giu/2014

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti