solovela.net
sabato , 20 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Skipper tedesco a rischio di decapitazione nelle Filippine
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Skipper tedesco a rischio di decapitazione nelle Filippine
News/10/Stefan-Okonek-e-la-sua-compagna_p.jpg Stefan Okonek e Henrike Dielen, i velisti tedeschi rapiti nelle Filippine
Pirati
Skipper tedesco a rischio di decapitazione nelle Filippine

I terroristi chiedono 4 milioni di euro alla Germania per risparmiare la vita a lui e alla sua compagna

Jolo (Filippine) – Il Super Maramu di Stefan Okonek di 71 anni e la sua compagna Henrike Dielen di 55 anni, a maggio di quest’anno è stato abbordato da un gruppo di pirati filippini guidati da Abu Sayyaf, un criminale molto noto nelle isole del Pacifico.

I due tedeschi sono stati rapiti e ora i rapitori minacciano di decapitare in video uno di loro se la Germania non paga 4 milioni di euro entro il 17 di ottobre.

In un primo momento quando la barca di Okonek fu ritrovata dalla polizia alla deriva, si pensò a un incidente che era costato la vita alla coppia che viaggiava con la barca perché da bordo non era stato portato via nulla e nulla faceva pensare a una lotta, sino a quando la banda di Abu Sayyaf non ha messo in rete le fotografie dei due tedeschi mentre erano nella giungla circondati da terroristi.

I criminali vogliono ora emulare i terroristi dell’Isis e minacciano di decapitare, davanti alle telecamere, lo skipper tedesco o la sua compagna. Per giustificare i loro atti, i criminali fanno dichiarazioni di carattere religioso, ma le autorità e molti osservatori sono convinti che si tratti di criminali comuni che approfittano della situazione di degrado in cui vivono le popolazioni mussulmane all’interno delle isole discriminate dalla maggioranza cattolica.

Okonek aveva voluto portare la sua barca nelle acque delle Filippine nonostante le autorità di quasi tutti i paesi europei sconsiglino di navigare in quelle zone convinto di riuscire in ogni caso a tenersi fuori dai guai, ma così non è stato.

I due tedeschi, per quanto si sa, sono trattenuti insieme a una cinquantina di altri ostaggi di diversi paesi tra i quali diversi europei rapiti da resort turistici.

La situazione nelle Filippine è grave, l’ultimo incidente si è registrato ieri quando due anziani cittadini svizzeri sono stati uccisi a colpi di pistola all’interno di un resort a Opol nel sud delle Filippine, non si sa ancora se in un tentativo di rapimento o in un tentativo di rapina.

07/ott/2014

Video Zattera
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti