solovela.net
martedì , 17 settembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Terremoto all’UCINA, il Presidente si dimette
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Terremoto all’UCINA, il Presidente si dimette
UCINA
Terremoto all’UCINA, il Presidente si dimette

Massimo Perotti presidente di UCINA si è dimesso dalla sua carica

Genova – Durante il consiglio direttivo dell’UCINA (Confindustria Nautica) che si è tenuto ieri 15 gennaio a Genova, il presidente dell’associazione, Massimo Perotti, CEO del cantiere San Lorenzo, ha comunicato la sua intenzione di dimettersi dalla sua carica.


“Ho scelto con dolore le dimissioni, perché lo ritengo un passo necessario per il futuro di UCINA - ha dichiarato Massimo Perotti - che auspico potrà essere più forte, unitaria e concentrata sul bene comune. E’ un momento di crisi in cui bisogna saper reagire con rapidità: la strada che ho cercato di intraprendere in questi mesi andava in questa direzione, ma ho maturato il convincimento che sia mancato in UCINA quel confronto proattivo e positivo necessario per poter dare attuazione al mio Programma.

Assicuro la mia disponibilità a collaborare da oggi con il Consiglio Direttivo e la Commissione Saggi per l’individuazione di una figura che possa proseguire, con decisione e consenso, un progetto finalizzato a una rinnovata convergenza di interessi in Associazione”.


A otto mesi dalla sua elezione avvenuta il 16 maggio del 2014, Massimo Perotti si dimette dalla carica di presidente dell’UCINA mettendo in evidenza la difficile situazione che sta vivendo l’associazione degli industriali della nautica che non riesce a trovare una linea comune nella strategie per affrontare i difficili momenti che sta vivendo il comparto.


Perotti, sin dai primi mesi del suo mandato si è dovuto scontrare con l’opposizione d’importanti soci dell’associazione tra i quali il gruppo Azimut che si opponevano ai cambiamenti che Perotti aveva intenzione di portare nella politica dell’associazione, sino ad arrivare all’abbandono del salone di Genova da parte del gruppo Azimut e di Baglietto.


Le dimissioni del presidente in un momento tanto delicato in cui si cominciano a consolidare i timidi segnali di ripresa registrati nei mesi scorsi, segna un vero e proprio terremoto all’interno dell’associazione dando un segnale di certo non positivo per tutti coloro che a vario titolo sono influenzati dalle decisioni che si prendono a Genova.

Nei pochi mesi di presidenza Perotti ha dato prova di dinamismo e di volontà di dare energia al settore attraverso un profonda opera di rinnovamento, un rinnovamento che si è subito concretizzato in un salone nautico molto diverso da quelli del passato e che ha riscosso consensi unanimi.


Fabio Planamente, direttore generale del Cantiere del Pardo e rappresentante del settore vela nell’UCINA ha dichiarato: “Sono profondamente dispiaciuto delle decisione di Massimo Perotti di abbandonare l’associazione. Ammiro il suo gesto fatto per il bene dell’associazione, nel momento in cui si è reso conto che non c’erano più i presupposti per continuare la sua azione.”

Ora l’associazione avrà 90 giorni di tempo per eleggere il nuovo presidente.

16/gen/2015

Sailitalia

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti