solovela.net
domenica , 19 gennaio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Scuffie e ritiri dominano la Transat Jacques Vabre
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Scuffie e ritiri dominano la Transat Jacques Vabre
NewsRegate/10/PrinceDeBretagneCapovolto.jpg Prince de Bretagne - con a bordo la coppia Roland Jourdain - Lionel Lemonchois
Transat Jacques Vabre
Scuffie e ritiri dominano la Transat Jacques Vabre

La Transat Jacques Vabre entra nel vivo ed è subito burrasca

Atlantico settentrionale – Partita domenica da Havre, la Transat Jacques Vabre, la traversata atlantica dalla Francia al Brasile con equipaggi formati da due persone, come previsto ha incontrato la burrasca.

Venti superiori ai 40 nodi e onde che raggiungevano i 7 metri hanno messo in difficoltà la nutrita flotta della regata.

Il trimarano Prince de Bretagne, un mostro da quasi 30 metri con a bordo la coppia Roland Jourdain - Lionel Lemonchois, si è capovolto lunedì sera quando il sole era già tramontato.

Quando si è ribaltato, il trimarano era a circa 140 miglia da La Coruna nella parte meridionale del golfo di Biscaglia, il vento soffiava tra i 20 e i 25 nodi.

I due navigatori si sono chiusi nella cellula abitativa stagna e hanno atteso i soccorsi organizzati dal loro team.

Non solo i multiscafi hanno pagato il loro tributo alla burrasca che ha colpito la Transat, anche gli IMOCA e i Class 40 hanno visto dei ritiri.

Il primo a girare la prua e far rotta verso terra è stato Edmond de Rotschild, il nuovissimo IMOCA 60 del team Gitana che aveva come equipaggio Sébastien Josse e Charles Caudrelier. Una serie di avarie hanno convinto l’equipaggio a non proseguire e tornare verso Lorient dove il team ha la sua base. Poco dopo l’arrivo, hanno fatto sapere che non sarebbero tornati in gara.

Sébastien e Charles, quando hanno visto il sommarsi di tante piccole avarie che con un meteo favorevole avrebbero solo significato la perdita di tempo per ripararle o renderle inoffensive, hanno preferito tornare indietro perché più avanti le condizioni erano date in peggioramento con venti oltre i 40 nodi.

Poco dopo Edmond de Rotschild, è arrivata la comunicazione che anche Safran aveva dei danni. Morgan Lagravière e Nicolas Lunven l’equipaggio di Safran, hanno riscontrato una fessura passante con infiltrazione d’acqua nella sezione di dritta dello scafo all’altezza del foil. I due hanno subito virato per tenere fuori dall’acqua la fessura e non gli è rimasto altro da fare che rientrare verso Brest, in Bretagna.

Tra i Class 40 Team Concise, con a bordo l’australiano Jackson Bouttell e il francese Gildas Mahé, ha subito dei danni allo scafo ed è stato costretto a fare rotta verso il porto irlandese di Cork da dove proveranno a ripartire una volta effettuata la riparazione.

Tracking http://tracking.transat-jacques-vabre.com/fr/



Jour 2 - Helitreuillage de R. Jourdain et L... di TransatJacquesVabre
28/ott/2015

Oceanis 51.1
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti