solovela.net
venerdì , 18 ottobre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Mura scopre che la sua barca era una bomba a orologeria
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Mura scopre che la sua barca era una bomba a orologeria
NewsRegate/01/Italia-ferma-nel-porto-di-Fremantle.jpg Il class 40 Italia fermo nel porto di Fremantle in Australia
Solo Round The Globe Record
Mura scopre che la sua barca era una bomba a orologeria

Mura scopre danni strutturali sulla barche che avrebbero potuto provocarne l’affondamento

Fremantle (Australia) - Gaetano Mura è arrivato a Fremantle in Australia. Fermandosi in porto per riparare il sistema satellitare e il pilota automatico e quindi rinunciando al tentativo di record per il giro del mondo in solitario senza scalo e assistenza su di un class 40, probabilmente Mura è scampato a un pericoloso naufragio.

Il navigatore solitario ispezionando la barca, una volta in porto, ha scoperto gravi danni strutturali allo scafo. Questi, verificatesi quando urtò un oggetto non identificato che gli danneggiò i timoni, avrebbero potuto, una volta giunti alle basse latitudini dove il mare mette veramente alla prova le barche, determinare la perdita della barca stessa.

Italia, il Class 40 di Mura, rimarrà quindi a Fremantle per qualche tempo e questo esclude anche che Mura possa ripartire per completare il suo giro del mondo. Il navigatore rientrerà in Italia in questi giorni per studiare il da farsi.

La speranza è che Mura non lasci passare troppo tempo per dare vita a una nuova impresa dal momento che questo suo tentativo di record è piaciuto molto e l’impresa di Mura ha registrato un ottimo seguito.


05/gen/2017

43 Parallelo

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti