solovela.net
giovedì , 21 novembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Brescia possibile centrale per la falsificazione delle patenti nautiche
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Brescia possibile centrale per la falsificazione delle patenti nautiche
Patente Nautica
Brescia possibile centrale per la falsificazione delle patenti nautiche

Scoperto a Brescia un giro di patenti false, oltre 2000 patenti sospette al momento

Brescia – Il sostituto procuratore di Brescia, Eliana Dolce, ha firmato i documenti per chiedere al Ministero dei Trasporti di effettuare la revisione di oltre 2300 patenti nautiche rilasciate a Brescia tra il 21 dicembre del 2008 e il 30 gennaio del 2011.

Le autorità competenti dovranno accertare la regolarità dei documenti che hanno permesso il rilascio delle patenti a migliaia di persone residenti in Sicilia, Lazio, Piemonte, Liguria e Friuli.

Il sospetto è che dietro a questa insolita migrazione verso Brescia per conseguire la patente nautica ci sia un giro di patenti false o di esami irregolari.

Dopo il caso della motorizzazione di Como dove sono già stati eseguiti diversi arresti, ora entra nel mirino anche Brescia.

Sono in molti i diportisti preoccupati, gli eventuali illeciti potrebbero condurre all’imputazione di reati penali non solo per chi ha procurato le patenti nautiche, ma anche per chi le ha acquistate.

L’indagine è partita nel 2013 dalla Sicilia grazie al Comandante dell’ufficio di Lipari Paolo Margadonna che, insospettito dal numero elevato di patenti nautiche rilasciate a Brescia a cittadini siciliani, ha voluto vederci chiaro segnalando i suoi sospetti alla procura di Brescia.
07/lug/2017

Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti