solovela.net
domenica , 21 luglio 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Amerigo Vespucci nel weekend a Trieste
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Amerigo Vespucci nel weekend a Trieste
Amerigo Vespucci
Amerigo Vespucci nel weekend a Trieste

L’Amerigo Vespucci a Trieste dal 21 al 23 ottobre

Trieste - L’Amerigo Vespucci, la nave scuola, simbolo della marina militare italiana, sarà a Trieste dal 21 al 23 ottobre.

Era il 22 febbraio del 1931 il giorno del varo di quella che da molti è definita l'unità più bella del mondo. Era stata scelta quella data per ricordare la scomparsa del celebre navigatore Amerigo Vespucci, avvenuta il 22 febbraio del 1522.

I lavori per costruire la nave, invece, erano cominciati dieci mesi prima presso il cantiere navale di Castellammare di Stabia. Un'avventura a cui parteciparono un migliaio di persone tra maestri d'ascia, mastri ferrai, muratori, velai e tante altre professionalità che permisero all'Amerigo Vespucci di entrare in servizio per la marina militare il 6 giugno 1931.

Un mese dopo, l'unità intraprese il primo viaggio verso l'Europa settentrionale, con la prima campagna addestrativa per gli ufficiali dell'Accademia Navale di Livorno.

In questi anni di vita, l'Amerigo Vespucci ha compiuto tante campagne in Nord Europa, in Mediterraneo, nell'Atlantico, in Nord America, in Centro America e Sud America, più 2 circumnavigazioni del globo.

Tante, anche, le occasioni in cui è stata ambasciatrice per l'Italia nelle acque di tutto il mondo. Si ricorda la partecipazione alla trentunesima Coppa America di Auckland e la commemorazione della battaglia di Trafalgar a Portsmouth.
18/ott/2017

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti