solovela.net
martedì , 17 settembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Sommergibile argentino: chiude tragicamente il sipario e si parla di esplosione
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Sommergibile argentino: chiude tragicamente il sipario e si parla di esplosione
San Juan
Sommergibile argentino: chiude tragicamente il sipario e si parla di esplosione

Tempo scaduto, non c’è più alcuna possibilità di ritrovare in vita i 44 uomini del San Juan

Atlantico settentrionale – Quella del San Juan è una storia che ha fatto tremare, sperare e piangere molte persone. Quarantaquattro uomini tra marini e ufficiali chiusi in una scatola di acciaio in fondo al mare con il tempo che giocava contro di loro e che a ogni scocco di lancetta dell’orologio segnava una tacca in meno di ossigeno. Quell’orologio si è fermato venerdì 24 novembre, quando le scorte di ossigeno sono terminate e poche ore dopo, con l’estinguersi delle ipotetiche riserve contenute nel volume dello scafo, si è posta, senza appello, la parola fine alla vita di quegli uomini.

Quaranta navi, venti pescherecci, dieci aerei hanno scandagliato tratti di oceano giganteschi affrontando una tempesta con onde di oltre 5 metri che ha messo a repentaglio la sicurezza di diverse navi, tutto inutilmente.

Ora le ricerche continuano, ma solo per arrivare a rintracciare lo scafo e determinare cosa sia realmente successo.

Nei giorni della ricerca, lentamente, sono venute alla luce pillole di verità somministrate con molta cautela e parsimonia dalla Marina Militare Argentina all’opinione pubblica.

Da prima si è capito che a bordo del San Juan c’è stata un’esplosione. Lo si è capito per un rumore captato dalle strumentazioni elettroniche nel tratto di mare in cui si presume si trovi il San Juan.

Poi, piano, piano, si è fatta strada la verità sull’esplosione, e ora i militari ammettono di aver sempre saputo tutto. Il sottomarino nella sua ultima comunicazione aveva fatto sapere di avere un’infiltrazione d’acqua nello scafo nel locale batterie che aveva determinato un corto circuito, ma che poi la situazione era risolta.

L’ipotesi ora è che la situazione fosse più grave di quello che i tecnici del San Juan abbiano potuto pensare e che alla riparazione del danno sia poi seguita l’esplosione. Esplosione di cui non si conosce la natura, ma che con tutta probabilità è connessa ai danni alle grandi batterie del sottomarino.

L’esplosione nella sala batterie ha messo fuori gioco la maggioranza degli impianti di bordo impedendo al sommergibile di comunicare, ma difficilmente ha ucciso tutti gli occupanti del battello. I sopravvissuti avrebbero quindi atteso inutilmente l’arrivo dei soccorsi sino a quando l’ossigeno non è terminato.
29/nov/2017

Sailitalia
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti