solovela.net
martedì , 23 gennaio 2018

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: La Melges presenta un nuovo modello… a motore
La Melges presenta un nuovo modello… a motore
News/01/Melges-26-Power.jpg Melges Power 26
Cantieri a motore
La Melges presenta un nuovo modello… a motore

Con il Melges Power 26 il cantiere americano entra nel settore motore e non è il solo

Zenda (USA) – Melges, il noto cantiere statunitense produttore dei famosi Melges 32, 40 e 14, con migliaia d’imbarcazioni impegnate in regate in tutto il mondo, ha deciso di aprire una sezione motore e ha presentato il nuovo Melges Power 26.

Il nuovo modello che ha stupito tutti, perché in pochi si aspettavano che la Melges potesse mai dedicarsi alla costruzione di barche a motore, riprende le linee che diversi anni fa creò Luca Bassani con il suo Wally Tender e che oggi sono state riproposte con molte varianti da molti cantieri (Vedi la Fjord del gruppo Hanse). La barca è un 26 piedi veloce motorizzato con due motori fuoribordo.

La Melges però non è l’unico né tantomeno il primo cantiere blasonato nel mondo della vela che apre le porte al settore motore. Beneteau e Jeanneau hanno una ricca linea di barche a motore con diverse gamme, anche la Bavaria ha seguito la stessa strada, ma se da questi giganti dell’industria nautica ci si poteva aspettare che volessero allargare i loro mercati, rimane un mistero perché un cantiere come la Pogo Structures sia voluto entrare nel settore per giunta con una barca che, pur essendo a motore, ricorda sotto molti aspetti i Pogo a vela.

Il perché i cantieri cerchino di creare prodotti anche a motore è semplice, i veri guadagni sono nel settore motore. Nel mondo della nautica per ogni 100 barche a motore immatricolate se ne immatricolano 17/18 a vela, inoltre una barca a vela di qualità di pari lunghezza, spesso costa di più di una barca a motore nel realizzarla e si vende a un prezzo che può essere anche del 40% inferiore a quello di una barca a motore, cosa che sa bene il Cantiere del Pardo, che dall’anno scorso ha creato un nuovo marchio dedicato a queste barche, Pardo Yachts.

La Pardo Yachts si è presentata sul mercato con un modello di 43 piedi che ha riscosso un immediato successo con 25 pezzi venduti e circa 11 milioni di fatturato. A breve sono previsti un 36 e un 42 piedi.

Fortunatamente quando si parla con i dirigenti di questi cantieri, tutti affermano di non avere alcuna intenzione di lasciare il settore vela anche se, in molti, ammettono che dopo qualche anno il grosso del fatturato arriva dal settore motore.

La vela ha un valore simbolico forte e anche per chi va in barca a motore un cantiere di vela è visto come qualitativamente superiore a un cantiere di barche a motore e questo accresce la fiducia del cliente verso la struttura.


07/gen/2018

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.