solovela.net
venerdì , 18 ottobre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Alle porte del Southern Ocean
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Alle porte del Southern Ocean
News/03/JeremieLecaudey-VolvoOceanRace.jpg Leg 7 from Auckland to Itajai, day 03 on board Vestas 11th Hour.
Volvo Ocean Race
Alle porte del Southern Ocean

Per i sette team che prendono parte alla settima tappa della Volvo Ocean Race la temperatura sta scendendo rapidamente con la flotta che è alle porte del temibile Southern Ocean

Le sette barche che stanno correndo la settima tappa della Volvo Ocean Race si sono ormai lasciate alle spalle la punta meridionale della Nuova Zelanda e hanno percorso già oltre 1.000 miglia dalla partenza da Auckland di domenica, facendo registrare velocità molto elevate.


A bordo di tutti i team i velisti raccontano di un brusco abbassamento della temperatura dell’aria e dell’acqua, un chiaro segnale che la flotta si sta addentrando nell’Oceano Meridionale, la grande massa d’acqua che circonda il continente antartico.

“Abbiamo notato che comincia a fare freddo, soprattutto l’acqua è più fredda.” Ha spiegato l’olandese Carolijn Brouwer, una delle veliste di Dongfeng Race Team.

“Stiamo andando a sud velocemente, a circa 20 nodi. Ma c’è ancora tanto davanti a noi, questo è solo un warm-up, anzi un cool down, a seconda di come lo si voglia vedere.”

Quella che attende la flotta, infatti, è la tappa più lunga e dura dell’intera Volvo Ocean Race: 7.600 miglia teoriche nelle acque più inospitali del pianeta e oltre il famigerato Capo Horn.


“Questa tappa è probabilmente la cosa più bella e stressante che farò mai - ha detto lo skipper australiano di Sun Hung Kai/Scallywag, Dave Witt. - Navigare è la parte più facile, mi piace, ma è la pressione su tutti, sugli sponsor, su di me, sulle relazioni umane, è quella la cosa più difficile.”


In testa alla flotta ci sono sempre i danesi/americani di Vestas 11th Hour Racing che è la barca posizionata più a est, mentre i battistrada della prima fase di Turn the Tide on Plastic, su cui naviga la triestina Francesca Clapcich, sono scesi in sesta posizione, data la loro rotta più a ovest.

Sebbene la frazione sia ancora alle prime battute lo skipper di Vestas 11th Hour Racing Charlie Enright si è detto felice che il suo equipaggio non abbia perso il passo, dopo aver dovuto rinunciare alla Leg 6. “E’ rassicurante vedere che siamo davanti. E’ proprio bello ed è una spinta al morale per tutti, ma allo stesso tempo non volgiamo sederci sugli allori perché c’è ancora molta strada da fare.”


Il vento continua a spirare da est e dunque la strategia rimane quella di portarsi il più possibile a sud, prima di poter finalmente mettere la prua a est. Con la zona di esclusione dei ghiacci posizionata sotto i 50° sud, i team stanno in realtà accorciando la distanza, puntandoci direttamente. Poi dovranno affrontare una settimana di condizioni dure con venti dai 30 ai 40 nodi, strambando al limite della zona verso Capo Horn.

21/mar/2018

43 Parallelo
RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti