solovela.net
domenica , 16 giugno 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: La Grecia non riesce a smaltire i relitti di navi abbandonate
La Grecia non riesce a smaltire i relitti di navi abbandonate
News/01/Navi-greche.jpg
Relitti
La Grecia non riesce a smaltire i relitti di navi abbandonate

Una conseguenza della grande crisi della nazione è il gran numero di navi abbandonate

Pireo (Grecia) – Lo spettacolo che si offre a chi dovesse passare per la baia di Elefsis al Pireo, il porto di Atene, è desolante e sembra voler rappresentare quello che sta vivendo in questi anni la Grecia. Un tappeto di navi abbandonate che intralcia la navigazione, come un campo minato, 52 navi solo in questo tratto di mare, costituiscono un serio pericolo per chi deve avvicinarsi alla zona.

Navi abbandonate delle quali è molto difficile rintracciare anche solo l’armatore e navi che continuano ad aumentare e per le quali lo stato greco non ha soldi per smantellare.

La maggior parte di queste sono frutto degli anni più bui della crisi quando molte aziende fallivano senza che nessuno potesse farci nulla, ma anche ora la situazione economica del paese provoca fallimenti continui delle aziende fino ad ora sopravvissute.

Le navi che le società armatrici non sono riuscite a vendere prima di fallire sono destinate a morire nel luogo dove si trovano, che sia questo il porto del Pireo o qualche baia dove sono state ancorate per non pagare i costi dell’ormeggio.

Il problema è serio. Per porvi rimedio il governo sta pensando di chiedere l’intervento delle società private che potranno recuperare le navi e pagare il loro lavoro con la vendita del ferro ricavato da questi recuperi.

04/gen/2019


RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti