solovela.net
sabato , 24 agosto 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Dimostrami che non morirai e puoi partecipare
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Dimostrami che non morirai e puoi partecipare
News/06/R2AK.jpg
R2AK
Dimostrami che non morirai e puoi partecipare

Le regole del R2AK sono semplici, se non muori, partecipi

Port Townsend (USA) – Di matti sulla terra ce ne sono molti e in mare ancora di più come chi partecipa alla R2AK.

La R2AK è una regata molto particolare, si articola su due tratti, la prima navigazione porta da Port Townsend negli Stati Uniti a Victoria, in Canada. Appena 40 miglia, ma 40 miglia che fungono da selezione naturale. Chi non arriva entro 36 ore è fuori dalla regata. Da temere: il freddo intenso e il mare, spesso molto grosso.

Come si fa a non fare 40 miglia in 36 ore? Vi chiederete. Non è difficile se a partecipare alla regata possono partecipare dai sup ai kayak. La competizione è aperta a tutti e il primo premio è di 10.000 dollari.

Eliminati la maggior parte dei sup e dei kayak, si riparte da Victoria alla volta di Ketchikan in Alaska e questa volta si tratta di 620 miglia da navigare tra i fiordi che collegano i due stati. Nei fiordi si deve temere il vento fortissimo che si incanala tra le montagne, come la bonaccia assoluta che può durare anche diversi gironi, per questo quasi tutte le barche che partecipano sono equipaggiate con mezzi di propulsione ausiliaria.

I motori a scoppio sono vietati, così sulle barche si vedono strani attrezzi che hanno il compito di muove l’elica.

Il Melges 32 che ha vinto l’anno scorso (la regata è alla 5° edizione), a poppa aveva montato due pedalò che muovevano l’elica due dei sei membri dell’equipaggio dovevano pedalare per muovere la barca tra i fiordi.

Per partecipare non c’è da rispettare alcuna regola, se non quella che per spingere la barca non si può usare nulla che non sia la forza del vento o quella dell’uomo.

Nel bando di regata c’è scritto che l’unica condizione per partecipare è quella di convincere l’organizzazione che non si morirà durante la regata.

07/giu/2019

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti