solovela.net
venerdì , 23 agosto 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Chiuse le iscrizioni alla Transat Jacques Vabre 2019
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Chiuse le iscrizioni alla Transat Jacques Vabre 2019
NewsRegate/07/TJV-2019.jpg
Transat Jacques Vabre 2019
Chiuse le iscrizioni alla Transat Jacques Vabre 2019

Alla partenza di ottobre della Transat Jacques Vabre ci saranno 134 skipper di cui 11 donne

Le Havre (Francia) - Iscrizioni chiuse e countdown iniziato per la 14ma edizione del Transat Jacques Vabre (TJV), che il 27 ottobre prossimo vedrà la partenza di 134 skipper di cui 11 donne, rappresentanti di 12 nazioni, suddivisi in tre classi (Class40, Mulit50 e IMOCA). Dalla francese Le Havre i 67 equipaggi spingeranno al massimo delle loro potenzialità regatando verso Salvador de Bahia, in Brasile, sulla rotta di 4.350 miglia attraverso l'Atlantico.

Nata come Route du Café la TJV vedrà equipaggi misti, giovani esordienti e vecchie volpi della vela. Gli ingredienti giusti sono tutti presenti per rendere questa transatlantica entusiasmante come l’edizione del 2017, che Solovelanet ha quotidianamente raccontato ai propri lettori.

Le barche saranno ormeggiate nel bacino Paul Vatine di Le Havre, da venerdì 18 ottobre a domenica 27 ottobre. Gildas Gautier, amministratore delegato della Transat Jacques Vabre, inorgoglito ha dichiarato:"Faremo ogni sforzo per rendere questa 14ma edizione indimenticabile per tutti".

La rappresentanza italiana
Giancarlo Pedote, sull’IMOCA 60 “Prysmian Group”, che ha chiuso la precedente edizione della TJV in 12ma posizione (in 16 giorni, 21 ore, 41 minuti et 16 secondi), regatando in duo con lo skipper Fabrice Amedeo, purtroppo penalizzati dalla perdita dello spinnaker a metà regata.
Pietro Luciani sul Class 40 Eärendil in coppia con Catherine Pourre. Nella precedente edizione, sempre con un Class 40, Luciani aveva regatato insieme a Massimo Juris, chiudendo in 6a posizione in 18 giorni, 16 ore, 53 minuti e 53 secondi.

La cantieristica italiana di eccellenza è rappresentata dal bergamasco Cantiere Persico, che ha realizzato un innovativo IMOCA 60, per il navigatore francese Thomas Ruyant, progettato da Guillame Verdier. Una barca rivoluzionaria sia nelle forme dello scafo che nella prua, dotata anche di una nuova generazione di foil. Costo stimato tra i 5 e i 6 milioni di euro.

Il percorso
La Transat Jacques Vabre si corre ogni due anni e rappresenta uno dei grandi avvenimenti della vela oceanica. Nata come Route du café pensata “in solitario”, dal 1995 è diventata Transat Jacques Vabre da correre “in duo”. La partenza da Le Havre è stata sempre confermata, mentre l’arrivo nel tempo è cambiato: 1993 Cartagena – Colombia; 2001 Salvador de Bahia – Brasile; 2009 Puerto Limon – Costa Rica; 2013 Itajaì – Brasile. Dal 2017 Salvador de Bahia – Brasile, dove arriverà anche l’edizione 2019.

Le classi in regata

Class40 – Una classe di monoscafi pensata per facilitare l'accesso alle regate oceaniche a team con budget più limitati. Regole semplici ed evoluzioni tecnologiche limitate, pur lasciando spazio all'evoluzione delle forme dello scafo, ne contengono i costi.

Multi50 – Anche questa classe di multiscafi, pur garantendo prestazioni importanti, è stata pensata per essere accessibile anche a team con budget non faraonici.

IMOCA – International Monohull Open Class Association, una classe storica per le regate offshore in solitario e in doppio. L’IMOCA è un vero e proprio un laboratorio di sperimentazione per le future barche commerciali, sia in termini di attrezzature che di requisiti di solidità e sicurezza.

18/lug/2019 di Antonio Giovannelli

Video Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti