solovela.net
24/11/17

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
home » la normativa » Le scadenze della nautica
Le scadenze della nautica


La licenza di navigazione
La licenza non è soggetta a rinnovo, questa va sostituita in caso di:
-cambio del nome dell'unità
-cambio dell'ufficio d'iscrizione (si ricorda che il cambio di ufficio d'iscrizione non è obbligatorio in caso di passaggio di prorprietà del mezzo)
-modifiche delle caratteristiche tecniche dell'imbarcazione (modifiche allo scafo, all'alberatura, o comunque a parti strutturali)
-cambio del motore entrobordo (sulla licenza è riportato il numero di serie della macchina e le sue caratteristiche principali, cambiando il motore occorre che queste siano aggiornate alle caratteristiche della nuova macchina)

Certificato di sicurezza
-per le unità appartenenti alla categorie C e D marcate CE e per quelle costruite sulla base della legge 50 del 1971, abilitate alla navigazione entro le sei miglia, il certificato va rinnovato dopo 10 anni dal primo rilascio e ogni 5 anni per le visite successive
-per le omologazioni di categoria A e B e per quelle senza marcatura abilitate alla navigazione senza limite, la prima visita viene effettuata dopo i primi 8 anni e le successive ogni 5 anni

Razzi
Hanno una validità di quattro anni, la data di scadenza è riportata sulla confenzione. I razzi scaduti, vanni restituiti al venditore al momento in cui si acquistano quelli nuovi. Si ricorda che per i razzi esistono rivenditori specializzati e autorizzati, non tutti i negozi li hanno.

Zattere di salvataggio
-la zattera di salvataggio ha una scadenza biennale e ogni 5 anni va sottoposta ad una revisione speciale
-per le zattere costruite prima del 2002, c'era la possibilità di effettuare la visita speciale entro il 2004 e equipararle alle nuove zattere che hanno caratteristiche profondamente diverse, quindi ad oggi tutte le zattere sottostanno ad una revisione biennale (5 anni quella speciale)

Estintori
Questi non hanno una scadenza fissa, ma sotto il manico presentano un manometro dove si può leggere lo stato di carica. L'estintore con il tempo perde la carica e la lancetta del manometro si sposta sulla zona rossa del quadrante dello stesso, a quel punto l'estintore va portato a caricare.
Un estintore scarico non avrà la pressione per lanciare il materiale estinguente fuori dalla bombola alla base delle fiamme, quindi è completamente inutilizzabile.