solovela.net
lunedì , 24 febbraio 2020

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: I Kiwi lanciano la loro barca prova il Te Kahu
I Kiwi lanciano la loro barca prova il Te Kahu
NewsRegate/01/The-Kahu-2.jpg Te Kahu
36esima Coppa America
I Kiwi lanciano la loro barca prova il Te Kahu

Ad Auckland Team New Zealand mette in acqua la sua barca prova, un 12 metri copia dei più grandi 75

Auckland (Nuova Zelanda) – I kiwi, come sono chiamati affettuosamente i ragazzi dell’Emirates Team New Zealand di Coppa America, hanno messo in acqua la loro barca prova il dodici metri Te Kahu.

Varato con una cerimonia degna del varo della barca definitiva, i team sono l’ultima squadra ad avere una barca prova. Il Te Aihe, l’AC 75 già costruito e messo in acqua, andrà in giro per il mondo per le tappe di avvicinamento alla Coppa America mentre il Te Kahu rimarrà a Auckland per gli studi e lo sviluppo della barca definitiva.

Durante la cerimonia di varo a chi chiedeva a Grant Dalton, padron del team neozelandese, perché un così grande ritardo nel mettere in acqua la barca prova, lui ha risposto che i conti si fanno alla fine. Loro dovevano prendere delle decisioni e alcune di queste avevano come conseguenza di portare in acqua la barca prova con ritardi, lo sapevano, hanno valutato e considerato che ne valeva la pena e lo hanno fatto.

Ora i designer del team, mentre l’equipaggio sarà in giro per il mondo con Te Aihe, potranno continuare a studiare e disegnare per poter arrivare alla barca definitiva.

Storicamente gli studi fatti in questa fase del progetto, quella che arriva sino alla Coppa, sono i più importanti, è in questa fase che, generalmente, si fanno le modifiche che faranno la differenza.
22/gen/2020

GC42LC

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti