SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 30 settembre 2020

Russell Coutts e Grant Dalton litigano durante una cena di beneficenza

Dalton accusa Ellison di aver mentito sulla Coppa America e Coutts si infuria

FeB
ADV
Auckland (NZ) – Ieri sera, durante una cena di beneficenza, Russell Coutts, il velista multimilionario CEO del Team Oracle, si è scontrato con Grant Dalton, il suo omologo per il Team New Zealand.

La serata, organizzata per raccogliere fondi per permettere a due noti velisti affetti da sclerosi multipla, Rick Dodson e David Barnes, di partecipare alle prossime Paraolimpiadi del 2016, e che prevedeva un intervento da parte di entrambi i manager, ha registrato un fuori programma.

Russell Coutts sale sul palco per primo e, ignaro di quanto sarebbe avvenuto da lì a poco, mostra agli invitati un video in cui vengono celebrati i successi di Team Oracle di proprietà di Larry Ellison, il magnate di Oracle.

Coutts quindi passa la scena a Grant Dalton che, sorprendendo tutti, non parla di Team New Zealand, ma mostra il video di un’intervista fatta proprio a Larry Ellison nel 2010 in cui dichiarava che la Coppa America del 2013 sarebbe stata meno tecnologica di quella del 2010 e che i costi sarebbero stati contenuti entro i 2-4 milioni di dollari per permettere così a più team di prenderne parte.

Ellison, nell’intervista escludeva l’uso delle ali rigide, troppo costose da progettare e costruire, e descriveva una Coppa America più popolare che avrebbe portato sulla linea di partenza almeno 16 team di diverse nazioni, il che avrebbe attratto l’interesse di molte reti televisive da tutto il mondo.

Durante la proiezione del video di Dalton, in cui venivano sottolineate le promesse fatte e non mantenute, in sala, più volte, si sono sentite le risate del pubblico poiché, in effetti, oggi, la Coppa si è rivelata tanto costosa da costringere 8 iscritti su 12 al ritiro tanto che vedrà disputare le regate solo da 4 team.

Quando al termine del video Dalton ha chiesto a Coutts "mate, what the hell went wrong?" (amico, che diavolo è andato storto?), Coutts si è infuriato e ha dichiarato, con tono di minaccia, che di questo parlerà con Ellison.

Una conduzione non facile per il moderatore della serata che, proprio quando pensava di essere riuscito a ristabilire la calma, ha avuto a che fare con un Russell Coutts che ha iniziato a ignorare completamente le sue domande per attaccare Dalton:“Possibile che in Nuova Zelanda non si riesca ad avere nessun velista giovane e ci si debba rivolgere a un 54 enne.” (Grant Dalton ha 54 anni).

Una serata altalenante durante la quale Coutts ha anche cercato di ribattere alle critiche di Dalton sui costi della Coppa, affermando che questi sono solo del 5% superiori a quelli dell’edizione del 2007 e che ben 40 reti televisive hanno sottoscritto dei contratti per mandare in onda le immagini della finale.

La risposta di Dalton è stata tagliente e ha fatto notare come, appunto, i costi siano superiori a quelli del 2007 che già erano esorbitanti, che Ellison aveva dichiarato che sarebbero stati nettamente inferiori e che sicuramente 40 televisioni trasmetteranno la finale, ma che pochi si occuperanno della Louis Vuitton Cup.

In chiusura di serata, Coutts e Dalton si sono trovati d’accordo almeno su di un punto: gli AC 72 sono barche entusiasmanti e le regate saranno emozionanti. Ma l’idillio è durato poco perché Dalton ha chiuso il suo intervento con un:“Godetevi lo spettacolo, perché sarà la prima e ultima volta”.