SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 29 ottobre 2020

Jessica vicina a casa, ma non al record

La sedicenne avrebbe battuto una rotta troppo breve per essere fregiata del primato di velista più giovane a circumnavigare il globo. Per il manager della ragazza, record o no, l'impresa della Watson è destinata a rimanere nella storia

Abbonamenti SVN
ADV
Sydney – L'Australia è pronta ad accogliere Jessica Watson, la baby-velista di 16 anni impegnata nel giro del mondo in solitario dallo scorso ottobre. La giovane ragazza ha appena superato la Tasmania e ha puntato la prua verso il traguardo, posto davanti al porto di Sydney. Le ultime due settimane sono state tra le più difficile di tutto il viaggio, caratterizzate da condizioni meteo molto impegnative.
Ma mentre Jessica è impegnata a portare a termine il proprio viaggio, a terra si dibatte sull'opportunità di considerare valido il record di velista più giovane in grado di completare la circumnavigazione del globo senza assistenza. Per Rob Kothe, direttore dell'autorevole portale SailWorld.com, il primato non dovrebbe essere ratificato dal Wssrc (l'ente mondiale di certificazione dei record), in quando Jessica avrebbe compiuto una rotta diversa, di circa 2.000 miglia più breve, rispetto all'attuale detentore Jesse Martin.
Il manager della giovane velista ha difeso la sua assistita riferendo che non ci sarà nessun problema in tal senso. Record o no, l'impresa di Jessica è destinata a rimanere nella storia, perchè ha navigato per oltre 23.000 miglia nautiche, ha affrontato i tre capi e non ha mai avuto bisogno di assistenza. Tutto questo a soli sedici anni, che il prossimo 16 maggio diventeranno diciassette. Un compleanno da festeggiare con amici e parenti se questi ultimi giorni di navigazione procederanno senza intoppi.