SVN logo
SVN solovelanet
sabato 26 settembre 2020

Mirabaud-Groupe Bel, doppio ritiro

Un disalberamento ferma Wawre e la Paret, mentre l'Imoca di Kito De Pavant dopo i controlli a Ushuaia, è risultato troppo danneggiato per riprendere a navigare

Abbonamenti SVN
ADV
Oceano Atlantico – La Barcelona World Race perde due barche nel giro di pochi giorni. Hanno abbandonato infatti la competizione Mirabaud e Groupe Bel. La prima, condotta da Dominique Wavre insieme a Michele Paret, ha infatti disalberato al largo della costa argentina, circa 400 miglia a nord delle isole Falkland. Al momento dell'incidente, le condizioni meteo erano particolarmente dure con venti sostenuti e un mare molto formato. I due skipper di Mirabaud hanno così lottato a lungo contro la situazione ostile, informando anche il comunicato di regata riguardo alle proprie difficoltà. Poi è arrivato il disalberamento, che fortunatamente non ha causato gravi danni a imbarcazione ed equipaggio. Wavre e la Paret stanno bene e sono già riusciti a mettere in sicurezza le parti dell'antenna.
Regata finita anche per Groupe Bel. L'Imoca di Kito De Pavant era approdato ad Ushuaia qualche giorno fa, a causa di un problema alla chiglia. I vari accertamenti hanno rilevato danni sia all'appendice che in alcune sezioni dello scafo, troppo gravi per permettere alla barca francese di riprendere il mare a breve. Appena le condizioni lo permetteranno (a Ushuaia in questo momento nevica), la barca sarà messa a terra. Probabilmente tornerà in Europa a bordo di un cargo. “Il nostro giro del mondo – ha raccontato Kito De Pavant – si ferma alla fine del mondo. Una fine sfortunata, dopo due mesi di regata, tre oceani attraversati e il passaggio dei tre capi. Interrompere un'avventura del genere è sempre un colpo al cuore per ogni velista, ancora di più in questo caso, dopo averla condivisa con tanti appassionati, scrivendo storie e inviando fotografie”.
Nel frattempo, continuano a risalire l'Atlantico i due battistrada. Virbac-Paprec 3 si trova ormai all'altezza di Recife, sulla costa brasiliana, con un vantaggio di 350 miglia nei confronti di Mapfre.