SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 13 luglio 2020

Ancora fumata nera per Bavaria, il fallimento è più vicino

Bavaria non può più vendere barche

Abbonamenti SVN
ADV
Giebelstadt (Germania) - Tobias Brinkmann, il professionista esperto di aziende insolventi che sta cercando di salvare il cantiere Bavaria dal fallimento definitivo vendendolo con una procedura molto simile al nostro concordato preventivo, ha rilasciato un’intervista al mensile tedesco Yacht nella quale si apprende che la situazione del cantiere comincia ad essere critica.

Brinkmann, che ricopre un ruolo che da noi potrebbe essere equiparato a quello del curatore fallimentare, quando si è insediato era ottimista sulla possibilità di vendere il cantiere a un imprenditore capace di farlo ripartire. Il professionista tedesco aveva chiesto al tribunale tempo sino a fine luglio per trovare un acquirente e il tribunale lo aveva accordato come aveva accordato dei fondi per tenere aperto il cantiere, poi fine luglio è passato e Brinkmann ha chiesto una proroga a fine agosto.

Agosto sembrava il mese decisivo, c’erano diversi imprenditori interessati e sembrava che si dovesse arrivare velocemente a una conclusione, ma poi è accaduto qualche cosa e le offerte o sono state ritirate o le trattative si sono freddate.

Ora Brinkmann è stato costretto a chiedere un’altra proroga, l’ultima, la data di scadenza sarà fine settembre.

Dall’intervista appare un Brinkmann meno ottimista di quanto lo si era sentito due mesi fa. “Sono ancora cautamente ottimista sul fatto che riusciremo a vendere”, dichiara il professionista, ma comunque ancora aggressivo e deciso a portare a termine il suo compito al meglio.

Nell’intervista Brinkmann ha voluto chiarire alcuni punti e fare un po’ di chiarezza visto che in questo periodo sulla Bavaria circolano molte notizie infondate.

Tra tutti i punti toccati, quello più importate è che la Bavaria non può fare nuovi contratti, non si possono vendere nuove barche, mentre, invece, continua a produrre le barche già vendute, ne rimangono in produzione 24 che saranno finite in questi giorni.

Tuttavia è possibile raccogliere delle intenzioni di acquisto, intenzioni di acquisto senza caparra che come spiega Brinkmann sono fondamentali per mostrare agli eventuali acquirenti che, una volta acquistato il cantiere, questo potrebbe facilmente ripartire.

Brinkmann spiega anche che, come diverse decine di operai abbiano già deciso di lasciare il cantiere andando a lavorare per altri, altri credono ancora nella possibilità di ripartire e resistono con il lavoro a tempo ridotto.