SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 25 settembre 2020

Grande vela a Cagliari

Partono le sfide per il titolo continentale d'altura. Tanti i campioni in acqua. Da Chieffi a Cia, da Pelaschier a De Angelis, tattico del nuovo Comet 50 Verve

Abbonamenti SVN
ADV
Cagliari – Partono oggi nelle acque di Cagliari le sfide in mare del Campionato europeo d'altura Orc. Saranno 34 le imbarcazioni, in rappresentanza di 4 nazioni (Italia, Irlanda, Francia e Repubblica Ceca) a sfidarsi fino a domenica su un massimo di nove prove, di cui sette su un percorso a bastone e una lunga costiera che attribuirà il doppio dei punti. Il regolamento prevede la possibilità di scartare il peggior risultato, che non potrà essere quello della prova costiera.
In questo campionato – ha detto Bruno Finzi, presidente dell'Offshore Racing Council – l'Orc sperimenta la classifica destinata agli armatori-timonieri, importante perchè rappresenta un riconoscimento agli armatori che vogliono migliorare le proprie capacità e condurre direttamente la barca. Nel frattempo, l'Orc sta anche studiando il modo di introdurre in Italia ufficialmente la classifica Corinthian, ovvero quella dedicata agli equipaggi non professionistici”.
Tra le barche che trovano spazio nell'entry-list c'è Alvarosky, il Grand Soleil 40 di Francesco Siculiana, fresco vincitore del campionato nazionale del Tirreno. Grande attesa anche per Verve, il nuovissimo Comet 50 con Lorenzo Bodini al timone e Francesco De Angelis alla tattica, mentre Tommaso Chieffi sarà a bordo del Grand Soleil 42 Man e Paolo Cian al timone del First 50 Saphira. Spazio, infine, a Mauro Pelaschier come tattico dell'NM 43 Nautilus Waves: “Con questa barca – ha detto Pelaschier – abbiamo vinto l'invernale di Traiano e il Tan. Quindi ci presentiamo competitivi. Ci sono molte barche che non conosciamo e saremo in grado di valutare dopo le prime prove. A bordo sono stati fatti piccoli aggiustamenti e piccole correzioni al rating per guadagnare qualche secondo, oltre a qualche vela nuova”.