SVN logo
SVN solovelanet
martedì 4 agosto 2020

Chiesti due rinvio a giudizio

Secondo i magistrati, principale colpevole dell'incidente è stata la nave veloce della compagnia Bluvia, il cui comandante, Sebastiano Mafodda, ha perso la vita durante l'impatto

Abbonamenti SVN
ADV
Messina - La Procura di Messina, attraverso i pm Angelo Cavallo, Francesca Ciranna e Vito di Giorgio, ha avanzato due richieste di rinvio a giudizio nell'inchiesta sulla collisione avvenuta il 15 gennaio del 2007 nello Stretto di Messina tra la portacontainer Susan Brochard e l'aliscafo Segesta Jet, in cui morirono quattro membri dell'equipaggio della nave veloce. I provvedimenti riguardano il comandante della Susan Brochard, Maksym Poludnyev, accusato di non aver eseguito le manovre necessarie per evitare la collisione nonostante avesse il diritto di precedenza, e Francesco Donato, comandante di una terza nave, il traghetto Zancle della Caronte, per omissione di soccorso.
Secondo i magistrati, principale colpevole dell'incidente è stata la nave veloce della compagnia Bluvia, il cui comandante, Sebastiano Mafodda, ha perso la vita durante l'impatto: “Il traghetto veloce Segesta Jet - si legge nell'avviso - superava in rotta di sicurezza la motonave Zancle ma, omettendo di tenere un efficiente servizio di vedetta, non si avvedeva del pericolo proveniente dalla motonave Susan Brochard e, anzichè dare la precedenza a tale ultima nave che proveniva da dritta, manteneva inalterata la sua velocità e rotta di collisione, senza operare alcuna manovra di emergenza e diversione”. E' stato tuttavia individuato anche un concorso di colpa da parte del traghetto. “Pur avendo il diritto di precedenza - continua il documento - nonostante avesse avuto piena consapevolezza della rotta di collisione, acquisita dalla visione della propria strumentazione di bordo, il comandante Poludnyev della Susan Brochard manteneva costante la propria velocità, omettendo di ridurla per tempo; ometteva di effettuare qualsiasi manovra di emergenza, decisa ed in tempo utile, diretta a evitare tale collisione, come il crash stop (inversione del passo dell'elica, ndr) e/o una decisa accostata sulla propria dritta, in modo da dare più acqua per la manovra del Segesta Jet”. Da chiarire, infine, la posizione di Francesco Donato, comandante del traghetto Zancle, terza nave implicata nella vicenda. “Pur essendo l'imbarcazione più vicina nel momento in cui la Susan Brochard lanciava sul canale Vhf 16 il primo segnale di may-day - concludono i magistrati - ometteva di prestare assistenza diretta ai natanti ed alle persone e, comunque, di verificare che altra nave stesse portando soccorso in condizioni più idonee, nonchè ometteva qualunque contatto sul canale Vhf 16 con la capitaneria di porto di Messina”.
L'udienza preliminare sulla richiesta di rinvio a giudizio per i due indagati si terrà il 15 dicembre, davanti al Gup Daria Orlando.