SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 28 ottobre 2020

Altri 15 mila posti barca

Il progetto del governo croato si fonda così sull’intenzione di fornire maggiori aree per l’ormeggio, in modo da incentivare il turismo diportistico, che frutta alla nazione un introito di circa 700 milioni di euro annui

Abbonamenti SVN
ADV
Spalato – La Croazia intensifica gli investimenti sul turismo nautico e prevede di realizzare altri 15 mila posti barca nei prossimi 10 anni. La notizia proviene direttamente da Bolzidar Kalmenta, ministro per il Mare e il Turismo della nazione balcanica, che proprio ieri ha dichiarato: “I porticcioli e i marina nel nostro paese non sono ancora sufficienti. La loro disponibilità è di circa 35.000 posti barca. Le imbarcazioni registrate però in Croazia sono quasi 100.000”.
Il progetto del governo croato si fonda così sull’intenzione di fornire maggiori aree per l’ormeggio, in modo da incentivare il turismo diportistico, che frutta alla nazione un introito di circa 700 milioni di euro annui. Il primo obiettivo è riuscire a realizzare nei prossimi dieci anni ulteriori 15.000 posti barca (di cui 10.000 in mare), adattando e migliorando le strutture esistenti e ricavando spazio anche nei porti commerciali. La costruzione di nuovi marina, non andranno invece ad intaccare le aree marine protette. “Il turismo nautico è una grande risorsa in Croazia – ha detto il ministro Kalmeta – e i nostri progetti a lunga scadenza intendono consolidare il nostro paese come una destinazione top per i diportisti europei”.
Nel frattempo è iniziato ieri il Croatia Boat Show, il Salone Nautico Internazionale che sarà di scena a Spalato fino al 22 aprile. Circa 1.300 aziende hanno preso parte alla rassegna nautica e le barche esposte sono più di 400. Durante la kermesse, ci sarà anche la spettacolare regata della classe Russell Coutts 44, alla quale prenderanno parte oltre che il celebre skipper neozelandese, anche le imbarcazioni italiane Mascalzone Latino di Matteo Savelli e Magia Alike di Lorenzo Bodini.