SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 15 luglio 2020

Crolla il turismo italiano in Croazia

Dopo anni di corsa alle isole croate, gli italiani si disinnamorano delle coste dalmate

Abbonamenti SVN
ADV
Spalato – Sino a pochi anni fa la Croazia era indubbiamente una delle mete privilegiate dei diportisti italiani, ora non è più così. Con un calo delle barche noleggiate da italiani che va dal 15% al 20% questa si annuncia come la stagione del grande abbandono.

Certo, gli italiani sono ancora molti e oltre a coloro che arrivano in Croazia e noleggiano le barche, ci sono anche gli armatori della costa adriatica che d’estate raggiungono le coste dalmate.

Capire il perchè di questo crollo di presenze italiane non è difficile. Come ci confermano diversi operatori: prezzi alti, sovraffollamento, insieme al carattere poco socievole dei croati, hanno deviato i flussi turistici provenienti dalla penisola verso altre destinazioni.

Ormai da diversi anni i croati hanno preso ad aumentare i prezzi di anno in anno e oggi un marina croato costa tra il 10% e il 15% in meno di un marina italiano, senza però averne i servizi e gli standard qualitativi, mentre sino a qualche anno fa la differenza era del 50% e oltre.

Inoltre, le flotte croate da noleggio hanno ormai superato le 4.000 unità. Queste, sommate a quelle di privati presenti nel territorio e quelle che arrivano dalla costa italiana, concentrate su 180 miglia di costa, iniziano a dare seri problemi di sovraffollamento.

Gli italiani quindi stanno scegliendo mete diverse e a beneficiarne sono da una parte le coste italiane, in particolare le Eolie, dall’altra la Grecia e la Turchia.

La prima perché con i prezzi, in conseguenza alla grave situazione economica della nazione, è tornata ad essere competitiva e sta recuperando quei velisti che aveva perso anni fa a favore della stessa Croazia. La seconda perchè dopo il tentato golpe e la deriva autoritaria del populista Ergodan, comincia a dare qualche segno di ritorno alla normalità e quindi ad attrarre nuovamente dei turisti, anche se il calo di presenze, non solo italiane, è andato oltre il 90% e prima che torni agli standard pre golpe, passeranno diversi anni.


Parole