SVN logo
SVN solovelanet
martedì 20 ottobre 2020

La barca mette nei guai il presidente del Cagliari

Evasione fiscale per 84 mila euro di iva per la barca a vela, questo quanto imputa la magistratura al presidente del Cagliari calcio

Abbonamenti SVN
ADV
Cagliari – Il tribunale del ricorso ha rigettato la richiesta degli avvocati di Massimo Cellini, storico presidente del Cagliari, per il dissequestro del Lucky23, una barca a vela acquistata dal Presidente negli Stati Uniti e importata in Italia con un permesso transitorio, mai regolarizzato.

L’accusa dell’Agenzia delle Entrate che ha portato al sequestro della barca nel luglio scorso è di evasione fiscale dell’iva di 84.000 euro che Cellini avrebbe dovuto versare per l’importazione della barca in Italia.

Il Presidente dice che la barca sarebbe dovuta rientrare negli Stati Uniti, ma che un danno al boma avrebbe richiesto delle riparazioni in cantiere che hanno allungato la permanenza della barca in acque nazionali italiane.

A sua discolpa, il manager cita anche Andre Mura che sarebbe stato interpellato per portare la barca oltre oceano.

Il problema è che il Presidente non è nuovo a questi incidenti. L’Agenzia ha già messo sotto sequestro un'altra sua imbarcazione lo sloop Nelie, sempre importato dagli Stati Uniti e sequestrato per lo stesso motivo. Sotto sequestro anche una Ranger Rover targato Miami.