SVN logo
SVN solovelanet
domenica 25 ottobre 2020

Negoziazione obbligatoria per incidenti in barca fino a 50.000 euro

Da lunedì 9 febbraio scatta la negoziazione assistita obbligatoria per tutte le controversie che prevedono una richiesta danni inferiore ai 50.000 euro

Abbonamenti SVN
ADV
Roma – E’ una norma creata nel contesto della riforma della giustizia (decreto legge 132/2014) nel tentativo di deflazionare i tribunali civili che ancora contano 5 milioni di cause in corso, si tratta della negoziazione assistita obbligatoria che entrerà in vigore da lunedì 9 febbraio.

In pratica per tutte le controversie che prevedono una richiesta danni inferiore ai 50.000 euro, prima di arrivare in tribunale sarà necessario tentare la negoziazione tra avvocati.

La norma, che prevede solo poche eccezioni di applicabilità, riguarda anche la nautica. Le cause tra acquirente e venditore, tra acquirente e cantiere costruttore o le cause per danni da incidente, prima di avere inizio dovranno necessariamente transitare attraverso la negoziazione assistita obbligatoria.

Le parti avranno tempo tre mesi con la possibilità di proroga di 30 giorni per mettersi d’accordo. Solo una volta che sarà fallita la negoziazione obbligatoria, si potrà procedere con la causa.

La negoziazione obbligatoria è condizione per la procedibilità in tribunale. Se non si ricorre a questa, non si può fare causa. Il danneggiato che intende fare causa dovrà, attraverso il proprio avvocato, invitare la controparte alla negoziazione. Questa avrà 30 giorni di tempo per rispondere, nel caso non lo faccia, l’obbligo di negoziazione sarà ritenuto assolto e si potrà procedere al giudizio. Il tribunale dovrà tenere in considerazione il rifiuto alla negoziazione della controparte al fine di stabilire la copertura delle spese di giudizio.