SVN logo
SVN solovelanet
sabato 26 settembre 2020

Ecco i magnifici dodici

L'evento è stato presentato ieri presso l'ambasciata neozelandese di Parigi e, in mancanza di una Coppa America da disputare, sarà un'interessante occasione per testare lo stato di forma dei consorzi più importanti

Abbonamenti SVN
ADV
Parigi - Dodici team provenienti da dieci nazioni. L'Italia è il paese maggiormente rappresentato con tre equipaggi. Quindici giorni di regate, a partire dal 30 gennaio, con una media di sei prove al giorno. Sono questi alcuni dei numeri della Louis Vuitton Pacific Series, l'evento organizzato dalla casa di moda francese in collaborazione con il Royal New Zealand Yacht Squadron, che vedrà affrontarsi i sindacati iscritti a bordo di quattro ACC 5 messi a disposizione da Team New Zealand e Bmw Oracle.

L'evento è stato presentato ieri presso l'ambasciata neozelandese di Parigi e, in mancanza di una Coppa America da disputare, sarà un'interessante occasione per testare lo stato di forma o vedere solamente al lavoro molti degli equipaggi che si presume lotteranno per la storica brocca quando tornerà in acqua.

A difendere i colori del nostro paese ci sarà Luna Rossa, presumibilmente timonata da Magnus Holmberg, Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato e Italia Challenge, la nuova sfida lanciata da Vasco Vascotto. La grande attesa è tutta per gli incroci di prue tra Bmw Oracle e Alinghi che, dopo tanti mesi di litigi in tribunale, torneranno a confrontarsi sul campo a loro più consono, quello di regata. Manca invece Desafio Espanol, sostituito da China Challenge, mentre farà il suo esordio il sindacato di Greek Challenge, presieduto da Sotiris Bosea.


La richiesta di partecipazione è stata talmente forte che due consorzi sono stati messi in lista d'attesa, pronti a prendere parte all'evento in caso di defezioni dell'ultimo minuto. Tra questi c'è anche un altro azzurro, Italia di Francesco De Angelis.